Era il grande assente oggi alle esequie del padre, Kim Jong-il, dal 1994 fino a pochi giorni fa alla guida della Corea del Nord. Sotto una tempesta di neve, mentre a Pyongyang si consumava la sceneggiata dei riti del regime, Kim Jong-un, terzogenito di Kim Jong-il e già ribattezzato il Grande successore, offriva al padre l’estremo saluto. Mancava, invece, un altro Kim.

L’assenza non è passata inosservata, sebbene ufficialmente non sia stato fatto nessun commento. Ma da giorni i media asiatici si chiedono dove sia finito Kim Jong-nan, 40 anni, primogenito del Caro leader (era il nomignolo di Kim Jong-il) e a rigor di logica colui che avrebbe dovuto prendere il suo posto. A quella domanda Yonhap, l’agenzia di stampa sudcoreana, sembra aver trovato una risposta. Kim Jong-nan si troverebbe a Pechino da qualche giorno, guardato a vista dai servizi segreti cinesi. Protetto, anche, da eventuali tentativi di assassinio di sicari nordcoreani.

Fino a dieci anni fa nessuno (o quasi) sapeva chi fosse Kim Jong-nan. Poi, un giorno qualunque del 2001, quel ragazzotto con la pancetta, accompagnato da due donne, venne fermato al posto di frontiera dell’aeroporto di Tokyo. Mi ricordo bene quel giorno, vivevo a Tokyo, ero corrispondente del Sole 24 Ore. In Giappone allora (come oggi) la Corea del Nord era assai temuta, per la sua agressività nucleare. I giapponesi si ritrovarono fra le mani il figlio di Kim Jong-il, alias il mostro. Aveva un passaporto con falso nome. Alle domande della polizia rispose, disarmante: “Volevo andare a Disneyland”. Per quello aveva tentato di accedere clandestinamente al suolo nipponico…

Venne rimandato a casa. E sembra che quell’episodio lo scredito’ definitivamente agli occhi del padre. Che pure, durante gli anni Novanta, lo aveva messo a capo del controspionaggio della polizia segreta. Da allora, non se ne seppe più un granché. Ricomparve poi a Macao. Oggi vive lì, in una villa, un’esistenza blindata. Adora i casino’. Viaggia spesso a Bangkok, Mosca, Parigi. Come gran parte dei suoi fratelli, è stato educato in Svizzera e parla francese come il coreano. Dal 2009, quando il fratello minore venne designato come il Grande successore, è passato all’attacco. Le televisioni giapponesi fanno a gara a intervistarlo. “Non è lecita una successione per eredità – ha dichiarato pochi mesi fa a una troupe in arrivo da Tokyo -. Non lo hanno fatto neanche per Mao: non è socialismo. Mio padre era contrario”. La storia, da questo punto di vista, non è chiara. Qualcuno dice che Kim Jong-nam, in quanto figlio di Song Hye, amante segreta del Caro leader (e non consorte legittima), non avrebbe mai potuto sostituirlo.

Oggi, comunque, a Pyongyang, fra la gente che si disperava e le grosse berline della nomenclatura in processione dietro al feretro, non si è fatto vedere. Secondo Yonhap i sicari nordcoreani hanno già cercato di ucciderlo. Tanto più proveranno a farlo ora, per difendere la legittimità del fratello. Pechino lo protegge. Non ha interesse a scandali sul proprio territorio. Kim Jong-nan, il Kim che amava Disneyland, forse nel suo Paese non ci rimetterà più piede.

Link: L’autre Kim, Le Point (Fr)

(Foto: Lapresse)

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta in Piemonte, anche Chivasso sotto osservazione per infiltrazioni mafiose

next
Articolo Successivo

È come se l’avessi conosciuta

next