“Parcheggio rosa – Mamma in attesa. Si chiede un gesto di cortesia”, è quanto riportato sull’insegna delle P rosa che il Comune di Napoli, attraverso gli assessorati alle Politiche Familiari e alla Mobilità, ha messo a disposizione delle gestanti partenopee. Sono stati assicurati 65 posti a ridosso o all’interno di ospedali, presidi sanitari e consultori familiari ma nella ricerca delle insegne, per esigenze televisive, ci si è accorti che a 15 giorni dall’annuncio le postazioni contate sono in realtà in totale appena sette: tre nei pressi dell’ospedale Incurabili, ma per niente considerate; tre al Cardarelli dove in assenza degli ausiliari del traffico vengono impegnate con esposizione della bolletta pagata del parcheggio;  ed una al Corso Vittorio Emanuele nei pressi del distretto 24 dell’Asl Napoli 1 Centro. Nessun parcheggio,informazioni o informati nei pressi del I Policlinico nel centro storico della città e a pochi metri dall’Ospedale Incurabili; o dell’ospedale San Paolo a Fuorigrotta, o del San Giovanni Bosco a Capodichino.  di Katiuscia Laneri

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, nel campo rom dato alle fiamme

prev
Articolo Successivo

Scilipoti, Concia: “Il Parlamento alimenta omofobia”

next