Un campo nomadi alla periferia di Torino è stato dato alle fiamme da un gruppo di manifestanti nella serata di domenica. La fiaccolata partita nel tardo pomeriggio era stata organizzata in solidarietà con una sedicenne, che aveva denunciato uno stupro ad opera di due cittadini stranieri. Nel corso della stessa manifestazione la giovane ha ritrattato, dicendo che c’era stato un rapporto sessuale, ma consensuale, e comunque non con cittadini stranieri. Ma la bugia è stata sufficiente a far scender per strada diverse centinaia di residenti di zona che hanno dato fuoco al campo rom della Cascina Continassa, a pochi passi dal nuovo stadio della Juventus (proprio sugli ultras bianconeri puntano ora le indagini). Reportage dentro il campo, dove le baracche, il mattino dopo, bruciano ancora. Alcuni zingari dichiarano che i manifestanti erano armati non solo di mazze e di fiaccole, ma anche di pistole. E per paura di nuovi attacchi alcuni hanno lasciato il campo per tornare in Romania. di Cosimo Caridi

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lepore lascia la procura di Napoli

next
Articolo Successivo

Napoli, il parcheggio rosa che non c’è

next