Un campo nomadi alla periferia di Torino è stato dato alle fiamme da un gruppo di manifestanti nella serata di domenica. La fiaccolata partita nel tardo pomeriggio era stata organizzata in solidarietà con una sedicenne, che aveva denunciato uno stupro ad opera di due cittadini stranieri. Nel corso della stessa manifestazione la giovane ha ritrattato, dicendo che c’era stato un rapporto sessuale, ma consensuale, e comunque non con cittadini stranieri. Ma la bugia è stata sufficiente a far scender per strada diverse centinaia di residenti di zona che hanno dato fuoco al campo rom della Cascina Continassa, a pochi passi dal nuovo stadio della Juventus (proprio sugli ultras bianconeri puntano ora le indagini). Reportage dentro il campo, dove le baracche, il mattino dopo, bruciano ancora. Alcuni zingari dichiarano che i manifestanti erano armati non solo di mazze e di fiaccole, ma anche di pistole. E per paura di nuovi attacchi alcuni hanno lasciato il campo per tornare in Romania. di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lepore lascia la procura di Napoli

prev
Articolo Successivo

Napoli, il parcheggio rosa che non c’è

next