Dopo proteste, rinvii e strascichi legali, si è svolta senza ostacoli all’hotel Ergife di Roma la prova di francese per il maxiconcorso per l’insegnamento all’estero. 37mila partecipanti per poche centinaia di posti. Peccato che i testi circolavano a dozzine tra i candidati. Fin troppo facile, quindi, prepararsi alle prove conoscendo le domande in anticipo. “Oggi è andato tutto bene, ma ci sono tutti gli estremi per invalidare il concorso”, sostiene un’insegnante appena uscita dalla prova di francese. Quattro candidati sono ora indagati per interruzione di pubblico servizio. Giovedì 1 dicembre, data prevista per l’esame, hanno voluto mettere a verbale alcune presunte irregolarità, dopo che in sala-concorso erano arrivate le forze dell’ordine per sedare la bagarre (leggi l’articolo integrale).
Di Paolo Dimalio e Paola Mentuccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Razzi e la compravendita: “Per dieci giorni mi fottevano la pensione”

prev
Articolo Successivo

No Tav: “Sparati gas ad altezza uomo e ritardati i soccorsi dei feriti”

next