Mentre il debito sovrano fa implodere l’Italia e i debiti delle famiglie strozzano i lavoratori colpiti dalla crisi, un raggio di luce ci dona la speranza che davamo per persa. Avantieri a Bologna è apparsa Santa Insolvenza, la protettrice dei debitori senza colpe, colei che rimette i nostri debiti, soprattutto quando dobbiamo ripagarli agli speculatori e alla finanza che hanno causato il disastro in cui viviamo ora.

Santa Insolvenza è piena di rabbia perché sa che a pagare sarà chi ha subito la crisi e non chi l’ha provocata. Santa Insolvenza è la nuova santa dei precari e delle precarie. Questa è la sua preghiera:

Santa Insolvenza
protettrice delle precarie e dei precari
dacci oggi il nostro reddito quotidiano
e allontana da noi i nostri debiti
perchè non siamo noi i veri debitori.

Santa Insolvenza
piena di rabbia, frega per noi peccatori
la ricchezza che produciamo ma altri detengono
perchè abbiamo diritto a casa,
mobilità, saperi e desiderio.

Santa Insolvenza
che sei nei nostri pensieri
sia generalizzato il tuo nome
e venga lo sciopero precario.
Non privarci della tentazione
ma liberaci dalla banca
e dall’ufficiale giudiziario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quale Italia per i sottoprecari?

next
Articolo Successivo

Whirlpool, mille esuberi in tutta Italia
I lavoratori di Varese: “Ormai è finita”

next