Mentre il debito sovrano fa implodere l’Italia e i debiti delle famiglie strozzano i lavoratori colpiti dalla crisi, un raggio di luce ci dona la speranza che davamo per persa. Avantieri a Bologna è apparsa Santa Insolvenza, la protettrice dei debitori senza colpe, colei che rimette i nostri debiti, soprattutto quando dobbiamo ripagarli agli speculatori e alla finanza che hanno causato il disastro in cui viviamo ora.

Santa Insolvenza è piena di rabbia perché sa che a pagare sarà chi ha subito la crisi e non chi l’ha provocata. Santa Insolvenza è la nuova santa dei precari e delle precarie. Questa è la sua preghiera:

Santa Insolvenza
protettrice delle precarie e dei precari
dacci oggi il nostro reddito quotidiano
e allontana da noi i nostri debiti
perchè non siamo noi i veri debitori.

Santa Insolvenza
piena di rabbia, frega per noi peccatori
la ricchezza che produciamo ma altri detengono
perchè abbiamo diritto a casa,
mobilità, saperi e desiderio.

Santa Insolvenza
che sei nei nostri pensieri
sia generalizzato il tuo nome
e venga lo sciopero precario.
Non privarci della tentazione
ma liberaci dalla banca
e dall’ufficiale giudiziario.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Quale Italia per i sottoprecari?

prev
Articolo Successivo

Whirlpool, mille esuberi in tutta Italia
I lavoratori di Varese: “Ormai è finita”

next