Dopo la riunione dei Trenta/Quarantenni del Pd a Pesaro, qualche parlamentare aveva temuto davvero la “rottamazione”. La paura che un’onda d’urto generazionale fosse pronta a spazzarli via aveva impaurito più d’uno dei loro mentori. Al rientro in Parlamento non si parlava d’altro che di quell’assemblea semi-carbonara voluta dal presidente della provincia di Pesaro, Matteo Ricci. Orfani del sindaco di firenze, Matteo Renzi – che sarebbe stato costretto a “rientrare nel gruppo” se la forza centripeta fosse stata invincibile – quel giorno c’erano proprio tutti: da Zingaretti alla Serracchiani, da Civati a Orfini. E l’unione, neanche a dirlo, potrebbe dare la forza per compiere il tanto atteso “parricidio”.

Ma non c’è da sottovalutare di chi sono figli, i giovani democratici. Perché all’epoca della Bolognina c’erano i discepoli del Pci: i Veltroni, i D’Alema, i Mussi sapevano benissimo quanto fosse importante stare uniti per prendere il potere. Ci sarebbe stato tutto il tempo, dopo, per battaglie congressuali, scissioni e scaramucce. Invece i giovani democratici, che nella loro adolescenza hanno visto solo lotte fratricide, hanno deciso di disperdere la loro pur limitata capacità dirompente, ma sufficiente a deflagrare un partito già in pezzi, dividendosi in correnti piene di distinguo alla prima occasione. E per renderlo chiaro a tutti, nei prossimi dieci giorni si riuniranno per lanciare le loro “idee rivoluzionarie” in tre città differenti: i “neodem”, con ospiti di estrazione dalemiana, guidati da Andrea Orlando e Nicola Zingaretti, domenica 16 saranno a L’Aquila. Pippo Civati e Debora Serracchiani hanno organizzato un evento in piazza Maggiore a Bologna per sabato 22. Mentre Matteo “Frusciante” Renzi ha convocato la Leopolda 2, a Firenze, nel weekend successivo.

Per chi si era illuso, dopo Pesaro, che qualcuno avesse capito la gravità della situazione e fosse pronto a ripartire, rinsaldando le basi del maggior partito d’opposizione, è l’ennesima grande delusione. I rottamatori, per ora, fanno a pezzi solo sé stessi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Franco Frattini contro Giulio Tremonti:
“Non vedo un decreto sviluppo a costo zero”

prev
Articolo Successivo

Primarie subito

next