Ecco l’ennesima edizione della manovra. Malgrado tutti gli interventi del capo dello Stato e la disciplina parlamentare delle opposizioni, l’edizione della manovra che fingeva di perseguire l’evasione fiscale non ha convinto i mercati. Salito lo spread coi bund, scesa la Borsa. Pronto l’aggiornamento in tempo reale, con aumento dell’Iva, anticipo della pensione a 65 anni per le donne,  mini tassa per ricchi e approvazione a mezzo fiducia per il controllo della maggioranza. A quando lo scioglimento delle Camere per manifesta incapacità?

Parlamentare o presidenziale? Alla napolitana

Che stupor! Lo spread che sale
ed il crollo colossale
alla Borsa di Milano
da quel giorno, ormai lontano,

nel qual ci scrisse la Ue:
Cara Italia, bada a te:
o riordini i tuoi conti
o le conseguenze affronti

di un veloce fallimento!
Intervenne sul momento
il buon capo dello Stato
in aiuto all’arrapato

che nel mondo ci sputtana:
La manovra o qui si frana!
E in un amen sia approvata!
Così nacque una porcata

e nel modo consueto
Giorgio ne firmò il decreto.
Ma la grande porcheria
perse i pezzi per la via,

sia perché era indecente
sia perché tutta la gente
destinata al sacrificio,
rifiutando il suo cilicio,

brutalmente la bocciò.
La manovra si squagliò:
tolti i ricchi, sempre immuni,
la pagavano i comuni,

le regioni e gli statali
con dei buchi colossali
nel bilancio dello Stato.
Silvio e Giulio ci han pensato

et voilà la soluzione:
Facciam guerra all’evasione!
Il famoso fiscalista
che ogni trucco mise in pista

per salvare i suoi clienti
e un premier che sui proventi
non ha mai pagato nulla
soffocando nella culla

tutti quanti i suoi processi,
credon di prender per fessi
non soltanto ogni italiano
e il guardian Napolitano,

ma chi specula e i mercati.
Immediati i risultati:
lo spread sal sempre più su,
le azion van sempre più giù,

mentre dice il bell’arnese
ch’è di merda il suo paese.
Interviene il presidente:
La manovra è insufficiente

per guarire in tempi bui!
se n’è accorto pure lui –
Il mercato non l’accetta,
va cambiata la ricetta:

tocca all’Iva e alle pensioni”.
Mentre Silvio Berlusconi
parla sol da sera a mane
coi magnaccia e le puttane,

chi non deve ci governa.
La Costutuzion squaderna
pur l’articolo 88,
dal qual non sembra un complotto

che chi è capo dello Stato
sciolga Camera e Senato.
E se qualche dubbio resta,
la domanda ingenua è questa:

Meglio fare, presidente,
il premier, ma illegalmente
o cacciare il Cavaliere
a calcioni nel sedere?”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Dimezzare i parlamentari ? Subito,ma senza anestesia

next
Articolo Successivo

Direzione strategica “Sbrigate Roscia”

next