L’insofferenza degli italiani contro la casta diverte, ma non sorprende, la stampa estera: un po’ perchè “tutto il mondo è paese” (chi non ce l’ha, con iprivilegi dei politici?) e un po’ perché “come non avercela con i politici di casanostra?”.

I più attenti a cogliere eraccontare il fenomeno di Spider Truman sono stati i britannici, grandi esperti di hacker, insider e compagnia bella (chi ne dubita guardi il video della commissione d’inchiesta parlamentare sul Murdoch-gate). Quello che colpisce FT e Independent, Guardian e Telegraph e pure, oltre Atlantico, Chicago Tribune è che i politici proteggano i loro privilegi, invece di condividere i sacrifici dei cittadini nel momento in cui varano un piano d’austerità. E se Les Echos parla di “legnate contro gli abusi dei parlamentari”, LeMonde scrive papale papale: “I politici italiani cercano d’esentarsi dai vincoli del rigore”.

Solo Abc, in Spagna, dopo avere celebrato “il Wikileaks italiano che mette a nudo la politica”, presta credito alla riforma del ministro Calderoli, ridurre per legge i parlamentari e vincolarne il gettone alle presenze. Le storie ispirate da Spider Truman spesso integrano cronache sulla manovra, sulla politica e, naturalmente, su Berlusconi, che, scrive Liberation, è “all’ultimo respiro”, mentre Nouvel Obs già esplora il “dopo Mr B”.

Come capita sovente, la stampa estera corre avanti, sull’onda emotiva – accadeva lunedì – d’un’udienza del processo per il Rubygate“Il premier non potrà sfuggire al processo”, scrivono in molti. Ma, intanto, la prossima udienza sarà il 3 ottobre: la giustizia ha i suoi tempi, che sono sempre lunghi.

Il Fatto Quotidiano, 20 luglio 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Audizione per Cameron: “Ho sbagliato, ma anche Labour aveva rapporti con Murdoch”

next
Articolo Successivo

Calabrò al Senato: ipocrisia istituzionale

next