Iran oggi, la caccia non finisce: già al Festival di Berlino e Torino, The Hunter di Rafi Pitts è una sorta di Fuggitivo in farsi, soprattutto un ottimo film, “nato – dice il regista – dalla rabbia contro il sistema e dall’amore per l’umano”.

Senza didascalismi né agenda politica pret-à-porter, il finale è aperto e l’ambiguità tanta, perché “il 70% dell’Iran è sotto i 30 anni e io, Jafar Panahi, Bhaman Ghobadi e molti altri siamo uno tsunami: la nostra sarà pure la generazione no future, ma l’avvenire è nostro”. E differente da quello di Kiarostami: “Abbas è saggio, poetico e lo rispetto, ma appartiene a un’altra generazione. E a un altro mondo”.

E’ lo stesso Pitts a interpretare il protagonista Alì, che, uscito dal carcere, si divide tra la passione per la caccia e, soprattutto, quella per moglie e figlia. Ma non vivranno felici e contenti: Ali perde entrambe, la sposa colpita da un “proiettile vagante” durante una manifestazione, la piccola scomparsa. Indaga, legittimamente chiede risposte. Non le ha: la polizia è muta e aggressiva, il dolore sordo e la vendetta bussa. Stile Jfk, imbraccia il fucile e spara da una collina: due poliziotti rimangono stecchiti, lui inizia la fuga. Viene preso, si innesca un triangolo con i due agenti e spunta un’inversione di ruoli: chi è preda, chi cacciatore?

Dimenticavamo, siamo a Teheran, ma potremmo ometterlo: non perché il regista Rafi Pitts lo camuffi, ma perché The Hunter è autenticamente glocal e stride con l’immaginario cinematografico ultimo scorso. Già, non è un paese per vecchi l’Iran, soprattutto non è di sole capre, pecore e campagne: la capitale è una metropoli, che Pitts indaga con campi lunghi sul traffico e la macchina in fuga, campi medi su crocicchi e incroci, sonoro urbano, a servire le geometrie variabili della vendetta. Che terminerà tra i boschi, la pioggia e lo scambio di divisa, mentre nel fuoricampo interno, si sente – e si vede – la lezione di Monte Hellman e dei grandi arrabbiati del cinema americano Seventies: su tutti, Don Siegel e il suo Dirty Harry, alias ispettore Callaghan, nello scontro tra legge e Legge, giustizia privata e ingiustizia pubblica, sul basso continuo della vendetta.

Dunque, il thriller è servito, e dice molto dell’Iran oggi, soprattutto di quel che non diremmo al riguardo: il contenuto metropolitano è sorretto da uno stile con la S maiuscola, con dialoghi senza sproloqui, tallonamento “reale” ma non neorealistico, fertile dialettica tra calligrafia d’autore e ortografia di genere, controllo quasi dittatoriale su visivo e sonoro. Se consideriamo che Rafi Pitts, classe ’67, presente parigino ma l’Iran dentro, è anche sceneggiatore e attore protagonista, forse di caccia ne è iniziata un’altra: quella all’Autore.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

9 canzoni 9… che fine ha fatto David Bowie?

next
Articolo Successivo

Il docufilm sui Doors
anti-Oliver Stone

next