Mario Draghi è sempre più vicino alla presidenza della Banca centrale europea. La sua candidatura ha ricevuto i voti favorevoli della commissione Affari monetari del Parlamento europeo: una raccomandazione approvata a larga maggioranza, con 32 voti favorevoli, 2 contrari e 4 astenuti. Si tratta di uno dei passaggi necessari per ufficializzare la nomina dell’unico candidato presente, attuale direttore della Banca d’Italia.

In vista dell’audizione di ieri, preliminare al voto europeo, il futuro presidente aveva mandato le sue risposte al Parlamento Ue, rassicurando sul mantenimento dell’attuale linea economica della Bce, definita “un successo”. Ma soprattutto Draghi ha spiegato i “valori cruciali” a cui si atterrà nel suo nuovo mandato: “L’integrità, la trasparenza e l’attendibilità”.

Dopo la proposta da parte dell’Eurogruppo dell’italiano come unico candidato e il parere non vincolante del Consiglio direttivo della Bce e del Parlamento europeo oggi, spetterà adesso ai capi di Stato e di governo della Ue dire l’ultima parola. La riunione è prevista per il prossimo 24 giugno a Bruxelles. Una formalità, dopo le pubbliche dichiarazioni di apprezzamento del presidente francese Nicolas Sarkozy e l’appoggio, seppur tra le polemiche, della cancelliera tedesca Angela Merkel.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parmalat, l’Unione europea
autorizza opa di Lactalis

prev
Articolo Successivo

L’immobiliarista di sinistra

next