Sono stati precauzionalmente sospesi dal Pdl Salvatore Camerlingo, cugino del boss Salvatore Liccardi, e Armando Chiaro, entrambi candidati per i berlusconiani alle elezioni comunali di Quarto (Napoli). I due stamane sono stati arrestati nell’ambito di un’inchiesta sul clan camorristico Polverino e sul traffico di droga gestito dal clan tra l’Italia e la Spagna, culminata nell’emissione di 40 misure di custodia cautelare. Il Pdl di Quarto è stato praticamente “commissariato” con la nomina del senatore Carlo Sarro a Garante per la Legalità per il circolo cittadino. Camerlingo è stato arrestato con l’accusa di spaccio di droga e detenzione illegale di armi, mentre a Chiaro, definito dagli inquirenti “colletto bianco”, è contestata l’intestazione fittizia di beni di provenienza camorristica. Avrebbe fatto da prestanome dei boss e già negli anni scorsi fu destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare.

Gli arresti sono stati emessi su richiesta dei pm della Dda di Napoli Antonello Ardituro, Marco Del Gaudio e Maria Cristina Ribera per accuse che vanno dall’associazione per delinquere di stampo mafioso al tentativo di omicidio, estorsioni, usura, detenzione illecita di armi, traffico e spaccio di stupefacenti, trasferimento fraudolento e possesso ingiustificato di valori nonche’ di reinvestimento di capitali di provenienza illecita in attivita’ imprenditoriali, immobiliari, finanziarie e commerciali. Gli arresti sono stati effettuati grazie alla cooperazione tra i carabinieri e l’Uco (Unidad Central Operativa) della Guardia Civil spagnola.

L’inchiesta ha svelato il ruolo di capi e manovalanza del clan camorristico Polverino che, a partire dall’hinterland a nord di Napoli, secondo gli inquirenti ha il controllo di attività imprenditoriali e commerciali in Italia e in Spagna e gestisce un notevole traffico di stupefacenti dalla Spagna all’Italia per il rifornimento delle piazze di spaccio, in mano a vari clan del capoluogo campano.

Sono alcuni pentiti a coinvolgere Chiaro nell’inchiesta. Tanto da far scrivere al Gip che “appaiono certi” i suoi rapporti col capoclan Giuseppe Polverino. Chiaro avrebbe anche incontrato il boss in Spagna. Lo afferma il collaboratore di giustizia Salvatore Izzo. Nell’interrogatorio del 13 gennaio 2010 racconta ai pm: “Chiaro era andato in Spagna a Barcellona da Giuseppe Polverino in una casa nella localita’ Coma Ruga. Loro dovevano discutere di un affare concerne la gestione dei rifiuti in una discarica a Quarto. Ricordo che l’affare non fu portato a termine, in quanto si trattava di un sito già sottoposto a sequestro. Chiaro che era con un’altra persona e vennero a parlare con Polverino per chiedergli il permesso di svolgere l’attivita’ presso la discarica, in quanto e’ lui a comandare su tutte le attivita’ che possono essere svolte a Quarto”. Camerlingo invece aveva rapporti con Salvatore Liccardi, altro elemento di spicco della cosca. Due i capi di imputazione che lo riguardano: la custodia e detenzione di 500 grammi droga, accertata grazie a intercettazioni ambientali il 31 dicembre 2008, e poi quella di alcune pistole in una Fiat 600.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Droga, 38 arresti a Roma. Contestata
anche l’aggravante del metodo mafioso

next
Articolo Successivo

Milano, croce celtica appesa in commissariato Gli agenti: “L’avevamo sequestrata”

next