Roma, 12 Febbraio. Con pentole e coperchi il Popolo Viola scende in piazza, così come a Milano, a difesa dei pm che indagano sul caso Ruby e per chiedere le dimissioni di Berlusconi. Se a Milano al Teatro Dal Verme invocano la privacy e giustificano il comportamento del Premier, a piazza Santi Apostoli “c’è l’Italia che non si adegua e si ribella a questo stato di cose” dice una signora indignata.
Servizio di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

L’Italia non è l’Egitto. I viola in piazza a Milano

next
Articolo Successivo

“Più Tic-Tac per tutti”, parola dell’On.le Cesaro

next