L’Italia non è l’Egitto. La pensano così i manifestanti del Popolo Viola che oggi a Milano si sono riuniti in piazza Fontana, con tanto di pentole, coperchi e mestoli, per chiedere ancora una volta le dimissioni del premier Berlusconi. “Non abbiamo la grinta che hanno dimostrato di avere gli Egiziani”, spiega una donna. C’è chi crede che anni di disimpegno e di televisione commerciale abbiano fiaccato il paese. Ma i più non si augurano che le cose trascendano. “Meglio una situazione pacifica”, commenta una manifestante. Forse, lo dicono in molti, il nostro è un paese con pochi giovani, altrimenti, sorride qualcuno, “non avremmo un premier ultra settantenne”. Sono soprattutto i giovani ad auspicare piazze gremite come quelle viste in Egitto, “ma gli italiani non hanno più la forza morale per ribellarsi”, dichiara sconsolato un presente, e aggiunge: “forse quella forza non l’abbiamo mai avuta”. di Franz Baraggino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

La Russa, il ministro scalcia-giornalisti

next
Articolo Successivo

Popolo Viola, dopo Mubarak Silvio Berlusconi

next