L’Italia non è l’Egitto. La pensano così i manifestanti del Popolo Viola che oggi a Milano si sono riuniti in piazza Fontana, con tanto di pentole, coperchi e mestoli, per chiedere ancora una volta le dimissioni del premier Berlusconi. “Non abbiamo la grinta che hanno dimostrato di avere gli Egiziani”, spiega una donna. C’è chi crede che anni di disimpegno e di televisione commerciale abbiano fiaccato il paese. Ma i più non si augurano che le cose trascendano. “Meglio una situazione pacifica”, commenta una manifestante. Forse, lo dicono in molti, il nostro è un paese con pochi giovani, altrimenti, sorride qualcuno, “non avremmo un premier ultra settantenne”. Sono soprattutto i giovani ad auspicare piazze gremite come quelle viste in Egitto, “ma gli italiani non hanno più la forza morale per ribellarsi”, dichiara sconsolato un presente, e aggiunge: “forse quella forza non l’abbiamo mai avuta”. di Franz Baraggino

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

La Russa, il ministro scalcia-giornalisti

next
Articolo Successivo

Popolo Viola, dopo Mubarak Silvio Berlusconi

next