Se siete tra i tanti che studiano Scienze della comunicazione con un occhio di riguardo ai media digitali, e magari vi interessa fare un’esperienza in un’istituzione culturale, non perdete le offerte di lavoro pubblicate su Conference.archimuse.com.

Qualche esempio? Beh, ecco tre delle posizioni richieste:
Internet and Social Media Content Coordinator, Art Gallery of Ontario, Toronto;
Writer/Editor [includes social media], National Archives and Records Authority, Washington, Dc;
Online Producer, Content & Projects, Australian Museum.

Sono solo alcune fra le ultime pubblicate, ma in questo spazio ne trovate davvero molte, provenienti da tutto il globo. Passare in lettura le posizioni richieste è un’operazione che restituisce un quadro completo di come molte istituzioni culturali mondiali conferiscano reale importanza alle attività digitali.

Inoltre se c’è qualcuno a corto di idee per tesi o tesina, un piccolo suggerimento: perché non indagare quali sono le nuove figure relative ai nuovi media all’interno di musei ed istituzioni culturali?

Anche qui un piccolo esempio: povate a sfogliare il curriculum vitae di Nancy Proctor, attuale Head of New Media presso lo Smithsonian American Art Museum.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turbo-riforme costituzionali

prev
Articolo Successivo

Un vecchio che credeva nei giovani

next