Frana l’Italia divorata da colate di cemento e dall’ingordigia di palazzinari e furbetti che ridono e si sfregano le mani ad ogni nuova scossa di terremoto.

Frana l’Italia sommersa dal fango e dai detriti, per decenni di abusi condonati, disservizi e scarsa cura e manutenzione del territorio.

Frana l’Italia derubata da scandali a ripetizione, in questa eterna tangentopoli che premia i disonesti e ammazza le persone perbene.

Frana l’Italia condannata da una burocrazia miope, che rende impossibile le cose semplici e spiana la strada alle speculazioni di ogni genere e origine.

Frana l’Italia governata dalle mafie, da pezzi interi di territorio in cui la legge è l’antistato e lo Stato, quello vero, delega, soccombe.

Frana l’Italia massacrata da una cappa di omertà e di “così fan tutti”, oliata ad arte quotidianamente da un sistema mediatico mediocre e scarsamente libero.

Frana l’Italia svilita da una classe dirigente vecchia, stanca, disonesta, ignorante, pigra, da una politica che non conosce il mondo che vorrebbe governare, da persone che, semplicemente, dovrebbero abdicare.

Frana l’Italia indebolita dai nostri piccoli e quotidiani compromessi (passare al rosso di un semaforo, evitare una multa comminata, parcheggiare l’auto in doppia fila, evitare una lista d’attesa per una visita grazie ad una raccomandazione…), che tutti insieme compromettono il sistema, dalla base.

Frana l’Italia, e sarebbe ora che qualcuno indossasse guanti e stivali, organizzando le opportune contromisure, per interrompere la colata e costruire un diverso futuro.

www.abbiamounsogno.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stop al consumo del territorio

prev
Articolo Successivo

Nucleare e non, meno aggettivi e più numeri

next