Frana l’Italia divorata da colate di cemento e dall’ingordigia di palazzinari e furbetti che ridono e si sfregano le mani ad ogni nuova scossa di terremoto.

Frana l’Italia sommersa dal fango e dai detriti, per decenni di abusi condonati, disservizi e scarsa cura e manutenzione del territorio.

Frana l’Italia derubata da scandali a ripetizione, in questa eterna tangentopoli che premia i disonesti e ammazza le persone perbene.

Frana l’Italia condannata da una burocrazia miope, che rende impossibile le cose semplici e spiana la strada alle speculazioni di ogni genere e origine.

Frana l’Italia governata dalle mafie, da pezzi interi di territorio in cui la legge è l’antistato e lo Stato, quello vero, delega, soccombe.

Frana l’Italia massacrata da una cappa di omertà e di “così fan tutti”, oliata ad arte quotidianamente da un sistema mediatico mediocre e scarsamente libero.

Frana l’Italia svilita da una classe dirigente vecchia, stanca, disonesta, ignorante, pigra, da una politica che non conosce il mondo che vorrebbe governare, da persone che, semplicemente, dovrebbero abdicare.

Frana l’Italia indebolita dai nostri piccoli e quotidiani compromessi (passare al rosso di un semaforo, evitare una multa comminata, parcheggiare l’auto in doppia fila, evitare una lista d’attesa per una visita grazie ad una raccomandazione…), che tutti insieme compromettono il sistema, dalla base.

Frana l’Italia, e sarebbe ora che qualcuno indossasse guanti e stivali, organizzando le opportune contromisure, per interrompere la colata e costruire un diverso futuro.

www.abbiamounsogno.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stop al consumo del territorio

next
Articolo Successivo

Nucleare e non, meno aggettivi e più numeri

next