Mi è stato chiesto di partecipare al “Fatto on line”. Mi farebbe piacere, ma non posso garantire una presenza “fissa” per troppe richieste e impegni che sarebbero già una motivazione sufficiente. C’è però un altro motivo per cui non mi posso impegnare in modo “permanente”: Io non riesco a scrivere sotto dettatura, ma solo sotto l’impulso irrefrenabile della libertà che per me è anche ispirazione dello Spirito e profezia.

Si scrive se si ha qualcosa da dire, non per macinare parole. Viviamo in un tempo di eccesso di parole e bisognerebbe instaurare un “angolo del silenzio”, memori delle parole del profeta indiano Tagore: “La polvere delle morte parole ti copre, lavati l’anima nel silenzio”. Non sarebbe onesto promettere: m’impegno ogni settimana, ma posso dire che quando il cuore canterà e urlerà o sussurrerà, allora anche io sarò della partita per condividere con voi non la battaglia, ma la civiltà dell’informazione che poi è l’altra maniera di amare senza confini.

Mi piace sottolineare che in ebraico uno stesso termine “Dabàr” significa sia “Fatto” che “Parola”, quasi a dire che le parole sono fatti e questi compiono la Parola. Impedire la conoscenza dei Fatti/Parole è l’attentato più grave che si possa perpetrare contro l’intelligenza e l’anima umana, prima ancora che contro la Democrazia e la civiltà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il lavoro non nobilita nessuno

next
Articolo Successivo

A scuola di revisionismo condiviso?

next