/ / di

Marco Palombi

Post di Marco Palombi

Commenti - 26 giugno 2016

Da Appelius a Brecht: cosa la Brexit racconta di noi

Ci sono cose che hanno un andamento ciclico, specialmente nei media. Non deve sorprendere, dunque, che aleggi nella stampa – italiana e non solo – lo spirito immortale di Mario Appelius, che poi sarebbe quel giornalista radiofonico che, durante la Seconda guerra mondiale, portava nelle case degli italiani gli strali (“dio stramaledica gli inglesi”) del […]
Commenti - 24 giugno 2016

Visco e la Banca centrale indipendente (dal popolo bue)

Questo Paese ha due problemi e il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, li ha entrambi chiari (no, nessuno dei due è il traffico). Il primo: “La maggior parte dei direttori di giornali, radiotv (sic) e così via, di economia non sa niente. È un problema serio”, ha detto ieri alla Luiss. L’affermazione – che di […]
Commenti - 22 giugno 2016

Aristotele, Alfano, il Renzi de-personalizzato e un chiarimento

Mi dicono: hai personalizzato troppo. Vabbè, capisco, ma la campagna referendaria deve essere corale, perché se sono sempre io a tirare la carretta, è chiaro che c’è la personalizzazione”. Repubblica ieri ci ha regalato una cronaca, o meglio un verbalino, in cui ci informa del dibattito interno al governo dopo le Comunali a partire da […]
Commenti - 19 giugno 2016

Brexit e poi basta o finisce che ’sta democrazia gliela sciupate

Dice: questo voto sulla Brexit è solo “una faida interna tra i conservatori” britannici, uno scontro tra il premier David Cameron, che è pure “moderatamente euroscettico”, e il suo sfidante Boris Johnson, che “a Bruxelles c’è cresciuto e ha sangue turco nelle vene” (sic) ma si oppone all’ingresso di Ankara nella Ue. L’analisi di Leonardo […]
Commenti - 17 giugno 2016

Ttip e articolo 11: Costituzione contro la politica vestita da tecnica

Il discorso sarebbe lungo ed è già stato sviluppato da bravi giuristi. In queste poche righe vorremmo solo presentarvi l’art. 11 della Costituzione. Quello che “l’Italia ripudia la guerra”, certo, che poi dice così: l’Italia “consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie a un ordinamento che assicuri la […]
Commenti - 15 giugno 2016

Va bene, dopo sei mesi avete scoperto Vegas:

Èl’entusiasmo dei neofiti. Questa settimana tv e giornali hanno scoperto l’eliminazione (nel 2011) degli scenari probabilistici dai prospetti per i risparmiatori: in sostanza la scomparsa di quel numero che ti diceva quante probabilità avevi di perdere soldi in un investimento. Tv e giornali hanno scoperto pure il cattivo: Giuseppe Vegas, presidente Consob. Il ministro Calenda, […]
Commenti - 12 giugno 2016

Le sofferenze bancarie, quelle di Proust e quelle dei lavoratori

Il problema di Ignazio Visco e Pier Carlo Padoan – intendendo col governatore e il ministro indicare chi, a diversi livelli, si occupa del sistema bancario – è che non capiscono le sofferenze. La sofferenza, ci ha spiegato Marcel Proust, “è una specie di bisogno dell’organismo di prendere coscienza di un nuovo stato”. Per quelle […]
Commenti - 10 giugno 2016

Che meraviglia le elezioni Usa (con un parere di George Carlin)

Finalmente. Qui non si riusciva più a reggere la tensione. A novembre si sfideranno per la carica di presidente degli Stati Uniti Hillary Clinton e Donald Trump: lei sta “facendo la storia” come prima donna candidata, lui è il front runner repubblicano più votato di sempre. E poi c’è Bernie Sanders, che continua la corsa […]
Commenti - 8 giugno 2016

Padoan sindaco del Kansas City e la crescita “costituzionale”

Il ministro dell’Economia lavora molto e dunque a volte rischia di non essere sempre perfettamente a fuoco. Ieri, per dire, è caduto in un classico caso di “tre pallismo”: una forma particolare di periodo ipotetico dell’irrealtà che prende il suo nome dal vecchio assioma romanesco secondo cui “se mio nonno avesse avuto tre palle, sarebbe […]
Commenti - 5 giugno 2016

Gli 80 euro da restituire: il problema spiegato a Renzi

Matteo Renzi non si fa capace. È incredulo. C’è gente, si lamenta, che sottolinea con rancore che 1,4 milioni di italiani dovranno restituire il bonus da 80 euro al mese illegittimamente percepito nel 2014. Dice il premier: avevamo detto che i soldi andavano ai lavoratori dipendenti con redditi tra 8 e 26 mila euro l’anno […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×