IlFattoQuotidiano.it / BLOG / di Fulvio Abbate

Fulvio Abbate Fulvio Abbate

Fulvio Abbate

Scrittore

Sono uno scrittore. Di romanzi e di “documentari”. Così ho raccontato Palermo, dove sono nato nel 1956, così ho riscritto La peste di Albert Camus, per poi ricostruire l’epopea degli anarchici spagnoli del 1936, e ancora ho raccontato il mondo di Pier Paolo Pasolini, ho compilato una guida di Roma, dove vivo, ho immaginato l’Italia governata dai maoisti di Servire il popolo, ho ragionato sul conformismo di sinistra. Ma soprattutto ho messo al mondo Teledurruti, la mia “televisione monolocale”.

Post di Fulvio Abbate

Misfatto - 2 ottobre 2012

Ecco perché mi candido alle primarie

Aderisci a Situazionismo e libertà. Il mio motto è: DOPO.
Media & Regime - 10 gennaio 2012

La tombola segno dei tempi

Ogni epoca storica custodisce i suoi testi a fronte, le sue icone fisse. Esatto, le sue opere di riferimento. La rivoluzione francese può vantare il celebre quadrone di Delacroix che mostra la “Libertà” alla testa del “Popolo”; il tempo di John F. Kennedy ha dalla sua Andy Warhol e gli altri della Pop art con […]
Media & Regime - 3 gennaio 2012

Arbore, le cartoline e il clarinetto

Rai Storia (canale Sky 805) poche sere fa ha srotolato a fisarmonica le cartoline di viaggio dell’Orchestra Italiana, un marchio ormai leader dell’Azienda Arbore. Forse l’unico suo ancora attivo e operante in giro per il mondo, almeno da quando Renzo nostro ha scelto di ponderare le proprie presenze in televisione fino a rendersi, di fatto, […]
Politica & Palazzo - 17 dicembre 2011

Piace e non piace

C’è un punto mediano (in tutti i sensi, mediano) fra il mi piace e il non mi piace. Già, un punto dove non trionfa la carne né ce la fa a sfondare il pesce. Ebbene, tale punto critico, personalmente, posso dire d’averlo finalmente trovato. E con esattezza proprio l’altra sera a Servizio pubblico. Cioè nel […]
Media & Regime - 23 novembre 2011

Luttazzi da Fiorello?

Gentile Fiorello, Inviti Daniele Luttazzi nel suo show. Io e Teledurruti lanciamo questa proposta soltanto all’apparenza “irricevibile” in nome della fantasia e del pensiero non conforme. Attendiamo una risposta dal diretto interessato. Vi preghiamo di diffondere in rete questo filmato, grazie.
Terza pagina - 31 ottobre 2011

Che cosa resta di Pasolini a Roma

Quando, nell’ottobre del 1975, Pasolini propose l’abolizione temporanea della scuola media dell’obbligo e della televisione, volle citare un quartiere romano, il Quarticciolo, un luogo perfetto per narrare com’era Roma quando il chiarore delle canottiere brillava sotto il bianco delle camicie davanti alla chiesa di San Felice da Cantalice, una chiesa identica a un vecchio salvadanaio, […]
Media & Regime - 25 settembre 2011

Ferrara nel suo bunker

Di tutte le sere televisive che il Nano Ghiacciato manda in terra il momento da me più atteso è per quello che mostra l’opinionista Giuliano Ferrara intronato nel suo bunker della cancelleria di Qui radio Londra, argenteria mediatica firmata Rai1. Non ditelo a nessuno, si tratta tuttavia di un programma, come dire?, “in costume”, al […]
Media & Regime - 11 settembre 2011

Tutto il mondo è paese
di m…

Giorni fa sono stato contattato via mail da due risentiti “materialisti storici” (dicevano loro di chiamarsi così, sia chiaro), ce l’avevano con me perché colpevole di avere pubblicamente detto male di Fidel Castro, il cubano. Non sbagliavano: avevo appena ribadito su Facebook che “nessuno ha il diritto di decidere circa le altrui libertà”. Loro, i […]
Media & Regime - 31 agosto 2011

In tv un dittatore tira l’altro

L’ho già detto che Franco Franchi, il comico palermitano, la faccia di gomma, il doppio di Ciccio Ingrassia, sognava di fare l’imitazione di Gheddafi in un grande show del sabato sera, magari con sottofondo coreografico, un bel Cicale Cicale di Heather Parisi? Se l’ho detto, bene. Non è colpa mia se l’intera ideale palizzata televisiva […]
Media & Regime - 16 agosto 2011

Il verdetto? Viva Truffaut

Qual è la cosa più “bella” – sì, esatto la più bella – che un televisore, nel senso dell’oggetto, possa donare nella quiete estiva perfino del primo mattino o anche della cosiddetta controra, al suo spettatore docilmente assonnato dall’azzurro di una vacanza? La risposta, accantonato l’orrore per l’ordinaria programmazione che d’estate assomiglia a un’interminabile diarrea, […]