/ / di

Marco Travaglio Marco Travaglio

Marco Travaglio

Direttore de Il Fatto Quotidiano e scrittore

Marco Travaglio ha lavorato con Indro Montanelli, prima a «il Giornale» e poi a «La Voce». Ha collaborato con diverse testate, fra cui «Sette», «Cuore», «Il Messaggero», «Il Giorno», «L’Indipendente», «Il Borghese», «la Repubblica» e «l’Unità». Oggi, oltre a collaborare con «l’Espresso», «MicroMega», «A» e con Servizio pubblico di Michele Santoro, è direttore de «il Fatto Quotidiano», che ha contribuito a fondare nel 2009.

Dopo il successo di Promemoria, Anestesia totale, E’ Stato la mafia, Slurp – Lecchini, Cortigiani & Penne alla Bava, è in scena nei teatri italiani con Perché No, insieme a Giorgia Salari.

È autore di molti libri di successo, tra i quali: L’odore dei soldi (con Elio Veltri, Editori Riuniti 2001), Regime (con Peter Gomez, Rizzoli-Bur 2004), Per chi suona la banana (Garzanti 2008), Colti sul fatto (Garzanti 2010). Per Chiarelettere ha pubblicato: “Mani sporche” (con Pter Gomez e Gianni Barbacetto, 2007), “Se li conosci li eviti” (con Peter Gomez, 2008), “Il bavaglio” (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2008), “Italia Annozero“, (con Vauro e Beatrice Borromeo, 2009), “Papi. Uno scandalo politico“, (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2009), “Ad personam” (2010), Silenzio, si ruba (dvd+libro, 2011), “Mani pulite. La vera storia vent’anni dopo” (con Gianni Barbacetto e Peter Gomez, 2012), “BerlusMonti(Garzanti, 2012), “L’illusionista. Ascesa e caduta di Umberto Bossi” (con Pino Corrias e Renato Pezzini, Milano, Chiarelettere, 2012), “Viva il Re!(Chiarelettere, 2013), “È Stato la mafia (Chiarelettere, 2014), “Slurp. Dizionario delle lingue italiane” (Chiarelettere, 2015), “Perché NO” (Paper FIRST, 2016),

Blog di Marco Travaglio

Politica - 17 aprile 2016

Referendum trivelle, andate a votare per dare una sveglia

Oggi si vota. Magari chi si informa (si fa per dire) su Rai e Mediaset non se n’è accorto. Ma oggi, dalle 7 alle 23, gli italiani sono chiamati alle urne per decidere su una questione importante. In sintesi, la posta in palio è questa. Vota Sì chi vuole abolire la norma che permette alle compagnie […]
Politica - 25 febbraio 2016

Stepchild rendition

Siccome ben 199 senatori, cioè la stragrande maggioranza del Senato, sono favorevoli a tutta la legge Cirinnà, compresa la stepchild adoption, il molto democratico presidente del Consiglio e segretario del Partito democratico (si fa per dire) ha deciso di stralciare, cioè di cancellare, la stepchild adoption dalla legge Cirinnà per compiacere i 121 senatori contrari. […]
Politica - 18 febbraio 2016

L’ora Daria

Ultime dal fronte dell’informazione all’italiana, casomai qualcuno ancora non capisse perché siamo sempre in fondo alle classifiche europee in materia, anche dopo la dipartita di B. 1) Il Pd di Renzi presenta la legge Cirinnà sulle unioni civili, contro cui manifestano al Family Day vari esponenti del Pd di Renzi, della maggioranza di Renzi e […]
Politica - 1 febbraio 2016

Family Day, i piccioni e la fava

C’era molta gente al Family Day. Non i 2 milioni sbandierati dagli organizzatori, ma tanti. Tutti omofobi, fanatici, oscurantisti, sanfedisti? No di certo, anche se la presenza dei Gasparri, dei Giovanardi, dei Brunetta (ma non era socialista?) e dei Galletti (ministro del governo che dice di volere le unioni civili) lo faceva pensare. Tutti ignoranti? […]
Politica - 14 gennaio 2016

Quarto, a che servono questi grillini

Nella commedia A che servono questi quattrini, Eduardo De Filippo racconta un apologo: “Una volta a un contadino cinese fuggì il cavallo. E tutti vennero a fargli le condoglianze. ‘E chi vi dice che sia una disgrazia?’, rispose il contadino. Infatti il cavallo tornò con altri sette. Tutti tornarono per congratularsi. ‘E chi vi dice […]
Mondo - 7 gennaio 2016

J’étais Charlie

Mentre il governo francese ricorda i caduti della strage di Charlie Hebdo sbagliando il nome del vignettista Georges Wolinski (scritto con la y finale) e il settimanale satirico esce con un numero speciale sull’anniversario della mattanza islamista che si portò via giornalisti e disegnatori, possiamo tranquillamente dire che tutto è tornato come prima, a dispetto […]
Media & Regime - 5 gennaio 2016

Checco Zalone più Matteo Renzi uguale ‘Renzalone’

No, il dibattito su Checco Zalone no! Almeno non su Quo vado?, film disimpegnatissimo e divertentissimo come gli altri tre, che va semplicemente visto e applaudito per i meccanismi comici perfetti e per la leggerezza di fondo che lo sostiene per aria. Invece, per favore, sì il dibattito sì su quelli che vanno a vederlo […]
Politica - 20 dicembre 2015

Il sondaggio è mobile

I sondaggi valgono quel che valgono. E i primi che dovrebbero ricordarselo sono i 5Stelle, che nel maggio 2014 erano dati alla pari o addirittura in sorpasso sul Pd, poi Renzi li doppiò alle Europee 40,8 a 21. Però quei sondaggi erano viziati da un fattore imponderabile: la presa sugli italiani di un premier nuovo […]
Media & Regime - 17 dicembre 2015

Il Fatto Quotidiano: cari lettori, continuate a sostenere la stampa libera

Abbonamenti-FattoQuotidiano Cari amici, inizia il settimo anno della nostra avventura con il Fatto Quotidiano. Il sesto che sta per concludersi ha visto molti cambiamenti, dentro e fuori il nostro giornale. Nuovo direttore, nuovi lettori, nuova grafica, nuove firme, nuove rubriche, nuove battaglie (abbiamo iniziato dando ospitalità a Charlie Hebdo dopo la prima terribile strage di Parigi) […]
Media & Regime - 12 dicembre 2015

Il Vespino dei Boskerville

“Maria Elena Boschi assomiglia sempre di più alle nobildonne rinascimentali che lasciano beni e affetti perché rapite da una vocazione religiosa. Una Santa Teresa d’Avila che, scolpita dal Bernini per Santa Maria della Vittoria a Roma, acquista sensualità nel momento in cui la trafigge la freccia dell’estasi divina”. Quando lesse su Panorama questo scampolo di […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×