Domani, sabato 14 ottobre, in nome di Sua Santità papa Francesco sarà emessa la sentenza del processo penale di primo grado sulla ristrutturazione del mega attico del cardinale Tarcisio Bertone. L’accusa del pm vaticano è di peculato per distrazione dei fondi della Fondazione Bambino Gesù utilizzati per i lavori di sistemazione dell’appartamento del Segretario di Stato di Benedetto XVI. Ben 422mila euro, fatture alla mano, per rendere confortevole la dimora, tutt’altro che modesta, del porporato salesiano.

Alla sbarra ci sono l’ex presidente e l’ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, Giuseppe Profiti e Massimo Spina. Ma soltanto per il primo il pm ha chiesto una condanna a tre anni di reclusione, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e una multa di cinquemila euro. Al di là di quella che sarà la sentenza penale, non calerà il sipario su questa triste vicenda (per usare un eufemismo) che ha macchiato indelebilmente il Vaticano, aggiungendosi a tanti altri gravi scandali degli ultimi decenni, il pontificato di Joseph Ratzinger e la congregazione religiosa dei salesiani, di cui Bertone è uno dei maggiori esponenti.

Ma soprattutto non sarà una sentenza penale, né di condanna, né di assoluzione, a risolvere il problema morale che gravita attorno a questa vicenda che giustamente il pm vaticano nella sua requisitoria davanti ai giudici ha definito “opaca”. Qualunque sarà la sorte degli imputati, Bertone continuerà a vivere tranquillamente e indisturbato nel suo mega attico e nessuno gliene chiederà conto. Nessuno gli intimerà lo sfratto, magari facendogli subentrare numerose famiglie di profughi che bussano alle porte dell’Europa fuggendo da violenze, guerre, fame e persecuzioni.

No, il problema morale non sarà risolto da una sentenza penale di primo grado alla quale, molto probabilmente, seguirà un processo di appello. Il problema morale rimarrà in una sorta di limbo aleggiando al terzo piano del Palazzo San Carlo in Vaticano, lì dove si trova l’attico di Bertone, proprio accanto alla residenza papale di Casa Santa Marta. Se dunque, come è abbastanza evidente, un processo penale come quello che si è consumato nella città leonina non può consegnare alla storia una sentenza riparatoria del grande scandalo avvenuto, la domanda è una sola: perché, dopo Vatileaks 2, si è incorsi nuovamente in quella che rischia di apparire una vera e propria deriva giudiziaria?

Tra l’altro, nessuno ha pensato che fosse più che doveroso chiamare nell’aula del tribunale sia il beneficiario del mega attico, ovvero Bertone, sia il presidente del governatorato dello Stato della Città del Vaticano, il cardinale Giuseppe Bertello. La testimonianza di quest’ultimo, infatti, avrebbe forse contribuito a chiarire il doppio pagamento dei lavori che, stando a quando emerso durante Vatileaks 2, sono stati saldati sia dalla Fondazione Bambino Gesù, sia dal governatorato. Ma, dopo ben otto udienze, il mistero paradossalmente è diventato ancora più fitto.

Dov’è, dunque, la trasparenza che si invocava all’inizio di questo processo penale? Dove è la soluzione allo scandalo? Dov’è la sentenza riparatoria? Non sarebbe stato molto più semplice sfrattare l’illustre inquilino e riequilibrare uno dei peggiori scandali degli ultimi anni? Per amor di verità bisogna ammettere che da questa vicenda Bertone ne è uscito malissimo sia dal punto di vista dell’immagine, sia dal punto di vista economico avendo dovuto risarcire per i lavori fatti sia il Governatorato (307mila euro), sia la Fondazione Bambino Gesù (150mila euro). Al porporato la ristrutturazione del suo attico è quindi costata ben 457mila euro.

Se dopo aver regnato per sette anni accanto a Benedetto XVI il cardinale avesse deciso, una volta congedato da Francesco, di andare a vivere fuori dal Vaticano, magari lontano da Roma, in una casa del suo ordine salesiano, sarebbe sicuramente stato trattato coi guanti bianchi. E allora perché ostinarsi a vivere all’interno dei sacri palazzi? Perché davanti allo scandalo mediatico scoppiato urbi et orbi non ha pensato di correre ai ripari lasciando l’attico con un gesto riparatorio che lo avrebbe sicuramente nobilitato? E ancora: perché nessuno glielo ha chiesto? E perché oggi nessuno glielo chiede? Solo così sarà fatta davvero giustizia. Non a parole, ma coi fatti.