La potenza di Gianluca Vacchi sul web ormai è tale che persino gli ideatori di truffe o pubblicità ingannevoli su Internet hanno deciso di utilizzare la sua immagine, ovviamente senza chiedere il permesso. È quello che succede, da qualche tempo, con uno strano link pubblicitario che compare su alcuni importanti siti di informazione, un link automatico che arriva da Google Ads, e del quale, dunque, i siti in questione non sono responsabili in alcun modo.

Il link promette rivelazioni scottanti su un metodo infallibile svelato da Vacchi e a causa del quale qualcuno vorrebbe la sua testa. Cliccando, però, si apre un sito farlocco che graficamente somiglia in tutto e per tutto a quello dell’agenzia Ansa e sotto il titolo “Le ultime notizie: Gianluca Vacchi rivela un segreto per lavorare facilmente da casa (abbandona il tuo lavoro in 30 giorni!)” compare la solita manfrina su fantomatici metodi infallibili per investire qualche centinaio di euro e guadagnarne migliaia in poco tempo e senza sforzo.

huffIl testo racconta di fintissime dichiarazioni dell’imprenditore bolognese star dei social network: “È emersa una nuova economia che il 99.9% del mondo non conosce ancora. Immagina di comprare google.com quando internet era appena iniziato. La stessa opportunità si sta verificando proprio adesso ed è 100 volte più grande. Letteralmente chiunque può cominciare a trarre vantaggio da questa nuova economia”. E ancora: “È perfino pericoloso parlarne, perché la élite al potere non vuole che il l’italiano medio abbia tanta ricchezza. Poiché quanto più ricca è la popolazione, meno potere hanno loro. Mi odiano per aver condiviso questo!”.

Ci sono, insomma, tutti gli ingredienti per far breccia sul web: l’influencer globale diventato fenomeno mediatico, la promessa di un guadagno certo e veloce, ma soprattutto la parte “complottarda” e “gentista”, con l’immancabile “élite al potere” pronta a tutto per ostacolare l’arricchimento dell’italiano medio (“Più ricca è la popolazione, meno potere hanno loro”).

Infine, dopo il lungo testo farneticante, ecco il link a quello che con scarsa modestia hanno chiamato “Generatore automatico di denaro”. Uno specchietto per le allodole di ottima fattura, dunque, che prova a sfruttare l’immagine di Gianluca Vacchi per attirare a sé quanti più ingenui possibile. Peccato, però, che se ne sia accorto lo stesso imprenditore bolognese, che sulla sua pagina ufficiale di Facebook ha invitato i tanti seguaci a diffidare da quella che definisce una “bufala”, con tanto di screenshot del sito in questione.