Il 10 agosto moriva Gerald Cavendish Grosvenor, l’uomo più ricco d’Inghilterra e il 68esimo più facoltoso del mondo, oltre che amico intimo della famiglia reale. Il giorno dopo l’attenzione si è già spostata sull’erede: Hugh Richard Louis, terzogenito classe 1991 e primo figlio maschio del VI duca di Westminster.

Una morte improvvisa quella del nobile inglese di 64 anni, che lascia così la propria eredità al figlio Hugh: un titolo nobiliare, che lo farà diventare VII duca di Westminster, un patrimonio che si aggira intorno ai 10 miliardi di euro (secondo le stime della rivista Forbes) e la “Grosvenor Group“, che amministra la più grande proprietà terriera del Regno Unito, d’Europa e del mondo intero. Un peso importante sulle spalle di un ragazzo di appena 25 anni, che fino a pochi giorni fa lavorava in un’azienda di biocombustibili.

Il giovane ereditiere è stato il padrino di George, figlio di William e Kate Windsor e futuro Re di Inghilterra, come il padre Gerald lo era stato di William.
Per il suo 21esimo compleanno il padre gli aveva organizzato una festa da 800 invitati, costata 5 milioni di sterline. In quell’occasione Gerald Grosvenor aveva tenuto un discorso, in cui nutriva le proprie speranze per il figlio: “Spero che impari la disciplina e che non si limiti alla bisboccia”, aveva detto il duca.