Gli Earth, Wind and Fire, la mitica band anni settanta, come ospiti d’onore della stagione estiva di Francavilla al Mare, in Abruzzo. La notizia aveva mandato in orbita gli appassionati della migliore stagione rock-soul-jazz-r&b Seventies. “Il concerto si svolgerà il 1° agosto” strillavano i pieghevoli promozionali. Certo, suonava un po’ strano che il gruppo fondato da Maurice White (scomparso quest’anno) e da suo fratello Verdine (capace di suonare la chitarra con i denti) volasse per la remota Francavilla nel bel mezzo di una tournée americana: il 30 luglio si esibiranno a Costa Mesa e il 2 agosto a Saratoga, in California, almeno stando al loro sito ufficiale… E infatti non era vero niente. O forse era vero solo in minima parte. “Gli EWF non terranno nessun concerto in Abruzzo. Saranno solo a Lucca l’11 luglio – ci aveva risposto Rich Salvato del loro ufficio stampa a stelle e strisce -. Il live strombazzato a Francavilla non concerne il marchio ufficiale della band, quella con Philip Bailey, Verdine White e Ralph Johnson: lo show vedrà di scena una tribute band chiamata The Earth, Wind and Fire Experience featuring Al McKay. Una formazione che ha creato confusione già in passato, a causa della pubblicità distorta che induce il pubblico a credere che andranno a sentire i veri EWF”.

Il primo agosto in piazza nella cittadina dove andava al mare Gabriele D’Annunzio ci sarebbe stata, insomma, la creatura parallela messa in piedi da Al McKay, chitarrista degli Earth, Wind and Fire dal 1973 al 1980. Un’“experience” dell’universo sonoro della sua ex band, riproponendone i classici, ma non gli EWF veri e propri. Usiamo il condizionale non a caso, perché il concerto non avrà più luogo. La giunta guidata da Antonio Luciani (del Pd) si è ritrovata nel vortice di un pasticciaccio legal-musicale di mezza estate. EWF contro EWF, a Francavilla al Mare. “Tra i gruppi riconducibili agli Earth Wind and Fire è iniziata una lite alla quale il Comune ha partecipato da spettatore – ha detto il sindaco -. Abbiamo assistito a una discussione continua tra le due formazioni musicali: entrambe rivendicano di poter utilizzare il nome del gruppo, ed entrambe ci hanno avvisato che se avessimo fatto una scelta o l’altra vi sarebbero state delle possibili code dal punto di vista giuridico. A quel punto ci siamo diretti altrove”. “Ci vorrebbe un amico, per poterti dimenticare” avrà pensato Luciani. E così il primo agosto a Francavilla, sempre con ingresso gratuito, al posto degli Earth, Wind and Fire effettivi o presunti ci sarà Antonello Venditti.