Ci sono storie d’amore finite che neppure Maria De Filippi, Nostra Signora della Tv, può rimettere in piedi. Anzi, nonostante i postini di C’è posta per te, capita anche non solo non si riconcilino i due ex amanti, ma che addirittura il tutto sfoci in una cieca violenza guidata dalla gelosia.

È il caso di Emanuele Colurcio, 22 anni, di Pollena Trocchia (NA), ex fidanzato della ventunenne Alessia. Emanuele non riusciva a rassegnarsi all’idea di una storia finita, di un rapporto consumato dalla gelosia. E visto che ogni tentativo sembrava inutile, ecco l’asso nella manica: scrivere al programma del sabato sera di Maria De Filippi.

Qualche settimana fa, Alessia aveva registrato la puntata in cui, ferma e decisa, aveva scelto di non aprire la busta, spegnendo anche l’ultima speranza del ragazzo. Nella notte tra venerdì e sabato, però, è andato in scena il dramma che neppure i fantasiosi autori di C’è posta per te avrebbero mai osato immaginare.

Alessia sta frequentando un altro ragazzo, il ventitreenne Domenico, e i due ragazzi decidono di passare la serata in un locale della movida di Chiaia, a Napoli. A pedinarli fin da quando sono partiti, c’è Emanuele, ma loro non lo sanno. Il ragazzo è furioso, accecato dalla gelosia, e ha deciso di affrontare la sua ex fidanzata e la sua nuova fiamma. Un litigio come tanti, roba normale tra ventenni, se non fosse che l’ossessivo Emanuele trasforma il diverbio in aggressione violenta: estrae un coltello e colpisce il ventre del rivale.

Ora Domenico è ricoverato all’Ospedale Loreto Mare in gravi condizioni, con il tessuto intestinale intaccato dal fendente. Emanuele, invece, è finito dritto a Poggioreale, arrestato quasi immediatamente dalle forze dell’ordine perché, subito dopo l’aggressione, non era riuscito a frenare l’ossessiva gelosia e aveva cominciato a minacciare via messaggi la povera Alessia: “Farò anche a te quello che ho fatto a lui”. Intercettato, scovato e arrestato: fine della storia. Ci sono amori malati e pericolosi che neppure Santa Maria del Piccolo Schermo può guarire.