Siamo tra quelli che non sopportano l’uso in libertà delle parole e soprattutto l’abuso di termini che andrebbero maneggiati con cura e con grande parsimonia, per evitare che determinate espressioni perdano il loro significato originario, e persino la loro capacità evocativa. Per questo non abbiamo mai sopportato l’uso della parola “olocausto” per indicare qualcosa di diverso dal genocidio programmato, come fu quello deciso da Hitler contro gli ebrei.

precariato

Allo stesso modo non si possono usare le espressioni “lager” o “gulag” fuori dal contesto del regime nazista o stalinista.
La parola “deportazione” non può essere applicata al trasferimento degli insegnanti da una regione all’altra, perché altrimenti si manca di rispetto a chi è stato deportato nei vagoni piombati o nei camion della morte.

La parola “schiavitù” indica uno stato di deprivazione totale dei diritti politici e civili, la trasformazione della persona in una cosa di proprietà di un padrone e per questo non può essere impiegata per definire il lavoratore precario, rischia persino di essere offensiva. Proprio perché non accettiamo un uso improprio di queste parole, ed il loro svuotamento, non possiamo accettare neppure la banalizzazione di questioni essenziali. Ci riferiamo, in questo caso, alle parole del presidente Renzi sul lavoro precario nel settore dell’informazione.

Evitiamo pure la parola “schiavitù”, ma come definire condizioni di lavoro che spesso prevedono l’uso di ragazze e ragazzi sottopagati e comunque in condizioni di precariato tale da dover sostanzialmente rinunciare ai diritti contrattuali? La Costituzione italiana prevede il “diritto alla giusta retribuzione”, la dottrina sociale della chiesa parla di “giusta mercede”, una legge dello Stato ha introdotto l’equo compenso. Nonostante i passi in avanti, ed il continuo impegno di tanti comitati di redazione, delle associazioni regionali, della Federazione della stampa, questo traguardo deve ancora essere conquistato per centinaia e centinaia di giornaliste e di giornalisti precari ed autonomi.

Se al presidente Renzi non piace la parola “schiavitù”, potremmo usare il termine “sfruttamento”, situazione che si realizza ogni qual volta si determini un iniquo scambio tra prestazione e remunerazione, come accade anche, e non solo nel settore dell’informazione. Quale espressione si dovrebbe utilizzare di fronte a redditi che non superano i 5 mila euro l’anno e a una flessibilità totale e senza diritti sostanziali?

Per questo, al di là di ogni polemica strumentale e corporativa, sarà il caso che, insieme alla trattativa contrattuale, si riprenda il filo della trattativa su modi e forme di applicazione della legge sull’equo compenso. Per raggiungere questo obiettivo ci sarà bisogno della convinzione e dell’apporto di tutte e di tutti, e magari di qualche polemica strumentale in meno, fuori e dentro la professione e i suoi istituti di rappresentanza.