Creatori e sognatori di mondi, narratori e divoratori di storie. C’è un intero universo fatto di autori, editori, produttori, collezionisti e appassionati che tutti gli anni a fine ottobre si incontra a Lucca Comics & Games, il festival internazionale diventato da tempo punto di riferimento per l’industria culturale che spazia dal fumetto ai videogiochi, dalla letteratura al cinema, fino alla musica e alle serie tv. Dopo l’edizione 2013 che ha sfiorato le 400mila presenze in quattro giorni, per la città toscana il 2014 è l’anno della “Revolution!”, con novità nella location, allargata a macchia d’olio tra le mura rinascimentali del centro storico, con piazze dedicate a saghe come Star Wars, interi palazzi e giardini trasformati in angoli di Giappone come la Japan Town o nelle sedi di sette di assassini ispirate alla Rivoluzione Francese per il videogame Assassin’s Creed Unity, o ancora bastioni della cittadella animati da sfilate di coloratissimi cosplayers e figuranti, con spettacoli ed esibizioni, concerti e gare di karaoke.

Creatori e sognatori di mondi si incontrano a Lucca

Quattro giorni di eventi, dal 30 ottobre al 2 novembre, in una lista innumerevole di ospiti, dibattiti e performance, rendono la manifestazione un’esperienza imperdibile per un pubblico sempre più vasto (Guarda la fotogallery). “Anno dopo anno, Lucca non vuole essere un appuntamento per soli appassionati, ma qualcosa di aperto a tutti, un volano economico per la nostra editoria e uno strumento di diffusione per arte e cultura”, ha spiegato il direttore dell’evento Renato Genovese alla presentazione della kermesse.

A dare lustro all’edizione di quest’anno, tra gli autori di fama internazionale nel mondo del fumetto spiccano Robert Crumb, nome di culto della scena underground americana, l’israeliana Rutu Modan, che affronta il tema dell’identità ebraica, e il venerato maestro del manga Masakazu Katsura, celebre per la serie Video Girl Ai e autore di Zetman, che ha incontrato i fan, disegnando per loro e raccontando i segreti della sua arte e della sua storia di mangaka. È questo uno degli aspetti più apprezzati dagli appassionati: poter incontrare da vicino gli autori, scoprire quello che si nasconde dietro una serie di successo o una scelta stilistica, guardare come un’illustrazione o una tavola prendono forma dalle mani esperte di un disegnatore o ascoltare come nasce una storia che ha incantato migliaia di lettori. Per esempio, scoprire che i “bad boys” di Boichi, autore coreano che arriva dal Giappone, nascono da un background fatto di “shojo manga e storie adolescenziali, unite a una laurea in fisica”, del tutto diverso da quello di Giuseppe Palumbo, storico disegnatore di Diabolik: “Diabolik non ride mai, disegnarlo è una scuola di durezza – racconta Palumbo – Bisogna stare sempre attenti a non creare situazioni che possano dare origine a una situazione comica, anche se spesso, nella vita reale, l’umorismo nasce proprio dalle situazioni nere”. A confrontarsi con loro un altro autore di personaggi dark, Mike Deodato Jr., firma di Marvel Comics dagli Avengers al nuovo evento Original Sin: “Metto tutta la mia parte oscura in quello che disegno – ha spiegato– Penso che i personaggi malvagi siano più interessanti di quelli buoni, ma che in fondo in ogni persona che sembra normale ci sia una zona grigia che può renderla un eroe o un criminale”.

Al Lucca comics si può scoprire chi o cosa si nasconde dietro una storia 

Lucca è una vetrina importante per il mondo dell’editoria e non solo. Non mancano gli spazi dei grandi editori come Panini e Bonelli, gli stand e gli incontri con i miti incontrastati degli eroi di adulti e bambini come Paperino e Topolino, o Dylan Dog con la sua immagine rivoluzionata da Roberto Recchioni, e ancora Valentina di Crepax e molti altri. Tra gli ospiti della rassegna anche Masasumi Kakizaki, Baru, Igort, Brian Vaughan e Zerocalcare, da anni seguitissimo anche sul web, che a Lucca sta raccogliendo il successo della sua ultima opera Dimentica il mio nome: “Questo libro è un pezzo di storia della mia famiglia che ho scoperto dopo che è morta mia nonna e che ho deciso di raccontare. E’ una storia che parla di me e interseca generazioni diverse, alternando momenti buffi e divertenti ad altri più drammatici e più seri” ha spiegato l’autore al fattoquotidiano.it , chiarendo anche la differenza tra narrazione su carta e online: “Il libro è uno spazio di approfondimento per un progetto più articolato che richiede tempo, ma il web rimane unico perché si può avere un riscontro immediato dai lettori, e soprattutto, essendo gratuito, nessuno potrà mai lamentarsi di avergli fatto spendere soldi per un libro che poi magari non lo soddisfa”.

Vetrina per l’editoria e occasione di confronto con i lettori

L’edizione 2014 di Lucca celebra anche alcuni anniversari importanti, come quello di Silver, che festeggia i 40 anni di Lupo Alberto con una mostra sui personaggi della fattoria McKenzie, e che durante il festival si confronterà con un altro autore umoristico italiano, Leo Ortolani, creatore del famoso personaggio Rat-Man. Sul fronte internazionale si celebrano i 35 anni di Gundam, con l’esposizione di modelli storici della serie giapponese, mentre il mondo dei giochi di ruolo festeggia i 40 anni della rivoluzione culturale di Dungeons & Dragons con alcuni creatori come Frank Mentzer, padre della “scatola rossa”: “Le regole non sono importanti – ha detto, ricordando la fase dell’ideazione del gioco – sono linee guida dalle quali iniziare la propria avventura”. Presenti anche i grandi nomi della narrativa fantasy europea, come Joe Abercrombie, autore inglese della trilogia The First Law, il tedesco Markus Heitz con il suo ultimo libro Il cammino oscuro – la vendetta degli Albi, e la regina del fantasy italiano Licia Troisi, che a Lucca celebra il decennale della creazione del Mondo Emerso. Spazio anche al cinema con anteprime: ecco quindi Il ragazzo invisibile, il film del premio Oscar Gabriele Salvatores in uscita l’11 dicembre e ospite atteso a Lucca per il progetto cross mediale che prevede anche un romanzo e un fumetto, e il viaggio nel mondo di Interstellar di Cristopher Nolan grazie all’Oculus Rift nel padiglione Warner Bros. Tra gli ospiti poi anche Ficarra e Picone che presentano il loro ultimo film “Andiamo a quel paese” e l’attore porno Rocco Siffredi con il gioco di ruolo “Orgasmo”. Tra le anticipazioni invece il videogioco Batman: Arkham Knight, e i film di animazione Big Hero 6 e I Cavalieri dello Zodiaco – La leggenda del grande tempio, o l’anticipo di nuove stagioni di serie tv come Doctor Who, senza dimenticare il fenomeno cult The Walking Dead.