Con l’avvicinarsi della presentazione del cartellone, tradizionalmente fissata per fine luglio, proliferano i rumors nazionali ed internazionali sulle possibili presenze in laguna. Dopo The Master, Leone d’argento nel 2012, il regista Paul Thomas Anderson potrebbe portare alla Mostra del Cinema Venezia in prima mondiale anche il suo nuovo film Inherent Vice, interpretato da Joaquin Phoenix, Josh Brolin, Owen Wilson, Reese Witherspoon e Benicio Del Toro. Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Thomas Pynchon (‘Vizio di forma’), è incentrato su una complicata indagine condotta dal detective Doc Sportello (Phoenix). 

Un altro candidato al cartellone veneziano (anche secondo il prestigioso blog statunitense Indiewire che definisce il festival italiano “glamorous” rispetto ai vicini Telluride e Toronto) sembra essere il grande escluso di Cannes 2014: A Pigeon Sat On A Branch Reflecting On Existence di Roy Andersson con Holger Andersson e Nisse Vestblom che è rimasto fuori dal cartellone della Croisette molto probabilmente solo perché non ancora pronto nel suo montaggio definitivo.

E se viene data quasi per certa la presenza a Venezia di The Cut di Fatih Akin con Tahar Rahim, George Georgiou e Akin Gazi, che chiude la trilogia iniziata con La sposa turca (‘Head on’) e proseguita con The Edge of Heaven, un altro candidato ideale per Venezia sarebbe Big Eyes di Tim Burton, interpretato da Amy Adams, Christoph Waltz, Terence Stamp, Jason Schwartzman, Krysten Ritter, Danny Huston. Si tratta del biopic sulla pittrice Margaret Keane e su suo marito Walter, un droghiere che spacciava i lavori della moglie per suoi. Ma a rendere complicata una premiere veneziana c’è l’uscita del film prevista molto dopo, per il giorno di Natale. 

Più orientati verso Toronto sembrerebbero invece While Were Young di Noah Baumbach, con Ben Stiller, Naomi Watts, Amanda Seyfried e Adam Driver, e Men, Women & Children di Jason Reitman con Adam Sandler, Jennifer Garner, Emma Thompson, Kaitlyn Dever e Ansel Elgort. C’è poi il film che tutti i festival vorrebbero: Carol di Todd Haynes con Cate Blanchett, Rooney Mara, Kyle Chandler, Sarah Paulson. Ma su questo titolo sono tali gli appetiti che è davvero difficile fare previsioni.

Sul fronte delle presenze italiane a Venezia, sono tante le voci che si rincorrono ma poche le certezze. Si fa con una certa insistenza il nome di Mario Martone e del suo biopic su Giacomo Leopardi Il Giovane Favoloso, interpretato da Elio Germano, Michele Riondino e Anna Mouglalis. L’altro candidato naturale al Lido sembra Torneranno i prati di Ermanno Olmi, ambientato durante la Prima Guerra Mondiale, che potrebbe essere l’occasione per portare in qualche modo in laguna le celebrazioni del centenario della Grande Guerra. Potrebbe veleggiare verso il Lido anche il Pasolini di Abel Ferrara, con Willem Dafoe nei panni dello scrittore e regista, di cui racconta gli ultimi giorni di vita prima del tragico assassinio avvenuto nel 1975. Nel cast c’è anche Riccardo Scamarcio che interpreta Ninetto Davoli e lo stesso Davoli nei panni di Eduardo De FilippoMentre rumors contraddittori (presenza al Lido o al Festival di Roma?) riguardano il film di Pupi Avati Un ragazzo d’oro, interpretato da Sharon Stone, Riccardo Scamarcio e Cristiana Capotondi.