Domenica 2 marzo si svolgerà la settima giornata nazionale delle Ferrovie Dimenticate (vai al sito). Un viaggio ricco di appuntamenti ed escursioni attraverso l’Italia, alla scoperta di tratti ferroviari dimenticati o recuperati. Un’occasione per scoprire paesi disseminati in tutta la Penisola, ricchi di tradizione e cultura (guarda il programma). Centinaia di volontari e appassionati muoveranno treni a vapore, ripercorreranno con biciclette, a piedi e a cavallo il tracciato di ferrovie abbandonate, apriranno scali e depositi, esploreranno gallerie, rievocheranno il ricordo con mostre storiche.

L’iniziativa è promossa, per il settimo anno consecutivo dalla Confederazione per la Mobilità Dolce (Co.Mo.Do.), con l’obiettivo di riportare all’attenzione dell’opinione pubblica e degli amministratori l’importanza del patrimonio ferroviario minore, per lo sviluppo turistico delle aree marginali della penisola, per la mobilità sostenibile e per la memoria dei nostri territori.

Tra gli eventi di maggiore interesse la passeggiata a cavallo e a piedi lungo la ferrovia storica tra Siena e Grosseto. Mentre l’escursione alla vecchia ferrovia Spoleto-Norcia si trasformerà per i visitatori in un’occasione per scoprire i tesori naturali che corrono lungo la vecchia linea. L’iniziativa è patrocinata dalla Commissione Europea, dal ministero dell’Ambiente, dalla Fondazione Fs Italiane e da 7 tra regioni e province. Tra i partner anche Il Fatto Quotidiano.