Il mercato dell’auto torna a crescere in Italia, ma le vendite di Fiat continuano a calare. Il gruppo torinese ha immatricolato nell’anno appena concluso 373.771 nuove vetture all’interno del Paese, in calo del 9,94% rispetto alle 415.046 del 2012, mentre a dicembre le vendite sono scese del 2,62% a 24.809 unità. Un risultato decisamente più rassicurante rispetto al -12,33% registrato a novembre, ma ancora negativo se paragonato al dato generale del settore.

A dicembre il mercato dell’auto in Italia è tornato infatti a crescere segnando un rialzo dell’1,40 per cento. Le vetture immatricolate sono state 88.705, contro le 87.480 di un anno fa. Negativo, invece, il bilancio 2013 che segna un -7,09% a 1.303.534 unità, contro le 1.403.010 del 2012.

Le brutte notizie per il Lingotto, che ha appena annunciato la scalata al 100% di Chrysler, riguardano anche la quota di mercato del gruppo, che si è attestata in Italia al 28,67% nel 2013, in calo rispetto al 29,58% del 2012. A dicembre invece la quota è scesa al 27,97% dal 29,12% di un anno fa. A novembre la quota di mercato del gruppo Fiat era al 27,19 per cento.