Il Premio Strega 2013 è stato vinto da Walter Siti con “Resistere non serve a niente”, che ha conquistato 165 voti. Dopo dieci anni, il celebre riconoscimento lettarario torna in casa Rizzoli. L’ultimo successo della casa editrice era stato “Vita” di Melania Mazzucco, cui erano seguiti anni in cui il confronto con il gruppo Mondadori si è spesso giocato su un pugno di voti.

Su 460 aventi diritto hanno votato in 412, 3 le schede bianche. Il seggio è stato presieduto da Alessandro Piperno vincitore della scorsa edizione del premio.

La classifica:

  • Walter Siti “Resistere non serve a niente” (Rizzoli) – 165 voti
  • Alessandro Perissinotto “Le colpe dei padri” (Piemme) – 78 voti
  • Paolo Di Paolo “Mandami tanta vita” (Feltrinelli) – 77 voti
  • Romana Petri “Figli dello stesso padre” (Longanesi) – 63 voti
  • Simona Sparaco “Nessuno sa di noi” (Giunti) – 26 voti

Il vincitore ha ricevuto un assegno di cinquemila euro e la classica bottiglia formato magnum di Liquore Strega, che ha stappato sul palco per il tradizionale sorso della vittoria e il discorso di ringraziamento: “Non dedico il premio a nessuno in particolare. Ci sono persone a cui tengo e spero il libro sia stato scritto per loro”. E sulla sua opera, che ha come protagonista un giocoliere della finanza, ha aggiunto: “Ho fatto una scommessa. Ho pensato un personaggio che fa cose molte brutte ma ho cercato di renderlo simpatico”.