Ha sfidato Cosa nostra e non la teme più Filippo Casella, titolare della P. e D. Trasporti. La sua forza l’ha organizzata e adesso fa parte di un’associazione antiracket catanese dedicata a Libero Grassi, l’imprenditore palermitano vittima della mafia.

Contro il pizzo ci ha messo la faccia. «Gli imprenditori devono denunciare, da quando faccio parte dell’associazione ho convinto altri imprenditori a denunciare i propri estorsori». A Filippo gli hanno chiesto subito 300 milioni. La sua è una ditta di autotrasporti, un settore su cui le cosche hanno messo le mani da tempo, come dimostrano le numerose indagini. «Poi ci siamo accordati per 1 milione delle vecchie lire al mese – racconta l’imprenditore – Il loro obiettivo era impadronirsi dell’azienda, chiedere favori, mettere gente dentro. Questo incubo è durato per circa quattro anni dal 1998 al 2002, poi mi sono stufato e ho denunciato. La vicenda è finita nel 2005, quando i miei aguzzini sono stati condannati tutti, qualcuno è ancora dentro, qualcuno è già fuori».

Erano pezzi da novanta di Cosa nostra catanese, tra questi c’era il fratello di Nitto Santapaola. Non ha più avuto richieste mafiose fino a dicembre scorso, quando si sono presentati nuovamente i picciotti del clan a chiedere conto: «Ho chiamato immediatamente i carabinieri e loro mi hanno aggredito, c’è un’indagine in corso, non posso dire di più. Qui sei sempre attaccato, la realtà è questa. A Catania pagano tutti, nel silenzio». Le cosche si muovono in maniera capillare nel settore del trasporto e così fanno pressioni, non sempre chiedono il pizzo diretto. «Entrano nell’azienda presentandosi come realtà concorrenziali, ma poi aspettano che l’azienda si trovi in difficoltà per appropriarsene».

di Laura Galesi

Per conoscere meglio il collettivo Strozzateci Tutti clicca qui