Il popolo dei ‘No war‘  torna in piazza a Roma. Raccolgono l’appello lanciato da Gino Strada ed Emergency, stavolta contro la guerra in Libia. Sono centinaia ma non riescono a riempire la storica piazza navona. I pacifisti e il popolo arcobaleno hanno messo in moto un tam-tam per una giornata nazionale di mobilitazione contro la guerra in diverse regioni italiane ma anche per l’accoglienza e la protezione dei profughi e dei migranti. Il vignettista Vauro dal palco ha gridato: “Siamo anche noi, come le migliaia di libici e tunisini che sbarcano sulle nostre coste, lo tsunami umano che vuole ribellarsi a Berlusconi, a Sarkozy, a Obama per questa terribile guerra”. “Alle armi – ha detto Gino Strada – non si può mai dire di sì così come di fronte a chi fugge dalla guerra per noi non esistono differenze. Non ci sono né clandestini, né immigrati, né profughi ma solo persone da accogliere e da aiutare”.
Riprese e montaggio, Paolo Dimalio