/

di Giuseppe Pietrobelli | 16 dicembre 2018

Aborto, denunciò 23 rifiuti in Veneto. Ma per i pm ha mentito: “Prestazione rispettosa dei tempi previsti per legge”

Tre anni fa una donna denunciò - rilanciata dalla Cgil - che ben 23 strutture sanitarie del Veneto le avrebbero opposto un diniego per interrompere la gravidanza. La procura aveva aperto un'inchiesta che adesso si è conclusa ed è rimasta solo l'ipotesi di diffamazione che riguarda l' autrice della denuncia e la collega sindacalista. Quest'ultima aveva contattato i giornalisti, raccontando loro la storia di un diritto negato. Ma proprio il numero elevatissimo di strutture sanitarie coinvolte aveva fatto sorgere dei dubbi, anche se in Veneto il problema dell'applicazione della 194 - secondo prese di posizione dlela stessa Cgil - è reale
Strage di Erba, il ministero manda gli ispettori alla procura di Como: Bonafede chiede le carte dell’inchiesta

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×