";

/ di

Sandra Rizza Sandra Rizza

Sandra Rizza

Giornalista giudiziaria

Sandra Rizza, sono giornalista giudiziaria e ho scritto alcuni saggi sul rapporto tra  mafia e politica. Gli ultimi: ”L’Agenda Rossa” (2007), ”Profondo nero” (2008), e ”L’Agenda nera della Seconda Repubblica” (2010), tutti pubblicati da Chiarelettere.

Sono cresciuta professionalmente al giornale ”L’Ora” di Palermo, negli anni Ottanta, durante la guerra di mafia che porto’ i corleonesi di Toto’ Riina al vertice di Cosa nostra. Dopo la

chiusura de ”L’Ora”, ho seguito le cronache dello stragismo per il settimanale ”Panorama” di cui sono stata corrispondente dalla Sicilia. Dal 2001 al 2008 ho fatto il redattore giudiziario all’Ansa di Palermo. Ho collaborato saltuariamente per ”il manifesto”, ”la Stampa”, ”Micromega”. Attualmente scrivo su ”il Fatto Quotidiano” da Palermo.

Articoli Premium di Sandra Rizza

Cronaca - 9 marzo 2018

Depistaggio strage via d’Amelio, 3 poliziotti rischiano il processo: “indottrinavano” il falso pentito

La procura di Caltanissetta chiude le indagini sul depistaggio di via D’Amelio e si appresta a chiedere il rinvio a giudizio di tre poliziotti del gruppo Falcone-Borsellino: sono il funzionario Mario Bo e gli ispettori Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo. Avrebbero partecipato, con ruoli diversi, all’“indottrinamento” del falso pentito Vincenzo Scarantino, forzandolo ad accusare alcuni […]
Cronaca - 2 marzo 2018

Trattativa, la difesa di Mori: “Solo fango sui carabinieri”

Il papello? “Un documento partorito dalla fantasia di Massimo Ciancimino” (nella seconda foto). Il figlio del potente ex sindaco di Palermo, don Vito? “La sua attendibilità è stata gettata a mare dai giudici”. Il processo sulla Trattativa Stato-mafia? “Il tentativo di ricostruire la storia secondo un’impostazione politico-ideologica per mascariare (sporcare, ndr) gli ufficiali del Ros”. […]
Cronaca - 23 febbraio 2018

“Polpetta avvelenata su De Gennaro, ma io non lo sapevo”

Processo Trattativa.”Non c’è mai stato dolo, da parte mia, nell’accusare Gianni De Gennaro”. Lo ha detto Massimo Ciancimino, che ieri ha fatto una dichiarazione spontanea in aula a Palermo. Poco prima l’avvocato Claudia La Barbera aveva chiesto per lui l’assoluzione sostenendo che “la calunnia presuppone consapevolezza, ma il mio assistito non sapeva di avere una […]
Cronaca - 17 febbraio 2018

Difesa di Dell’Utri: “La Trattativa è solo un racconto intrigante, non c’è prova del ricatto a B.”

“L’accusa è cadutadentro una trappola mentale: si chiama wishful thinking, pensiero illusorio, si segue una credenza e si ignora tutto ciò che la contraddice”. Nell’aula bunker di Palermo l’avvocato Francesco Centonze ricorda che “la Trattativa non ha nessun rilievo penale”, contesta radicalmente l’esistenza di una minaccia veicolata dal suo assistito Marcello Dell’Utri fino al cuore […]
Politica - 16 febbraio 2018

“Mancino non ha mentito: è Martelli che ricorda male”

“Nicola Mancino è imputato per falsa testimonianza, ma per l’effetto mediatico è diventato l’emblema della trattativa”. Nell’aula bunker è il giorno degli avvocati Massimo Krogh e Nicoletta Piergentili Piromallo, difensori dell’ex ministro dell’Interno per il quale i pm hanno chiesto 6 anni di carcere. Ricordando il ruolo “secondario” del loro assistito, entrambi i legali esordiscono […]
Cronaca - 10 febbraio 2018

Boss Bagarella e Mario Mori: stessa “difesa” sulla Trattativa

Senza attendere l’arringa dei suoi difensori, il boss Leoluca Bagarella (in foto) invia una memoria autografa alla Corte d’assise di Palermo chiedendo “di essere assolto dal reato contestato per non averlo commesso”, oppure, in subordine, che “venga applicato l’articolo 649 del codice di procedura penale”. Il padrino di Cosa nostra, che ha collezionato 13 ergastoli […]
Italia - 3 febbraio 2018

La parte civile: “La Trattativa dietro i morti di Firenze”

Ci sarebbe stata la strage di Firenze se Mori non fosse mai andato a trovare Vito Ciancimino?”. L’avvocato Danilo Ammannato, parte civile per l’associazione vittime dei Georgofili, porta nell’aula bunker di Palermo “quelle tessere di sangue” che compongono il puzzle della trattativa Stato-mafia, e lancia una domanda provocatoria alla quale lui stesso fornisce la risposta: […]
Cronaca - 29 ottobre 2017

Quando Mattarella ripuliva Wikipedia sul padre e la mafia

Per sei volte, nell’aprile 2009, è entrato nella pagina di Wikipedia sull’ex ministro dc Bernardo Mattarella, scomparso nel ’71, per correggere una biografia che evidentemente lo infastidiva. Se non è un mitomane che si firma col suo nome (ma pervaso dalla stessa devozione di un figlio), l’autore delle modifiche potrebbe essere proprio il capo dello […]
Cronaca - 20 ottobre 2017

Guerra fra periti su B. e il boss Graviano. Che oggi sarà in aula

Per il consulente dei pm, ma anche per i periti nominati dalla Corte d’assise di Palermo, il boss Giuseppe Graviano, intercettato in carcere il 10 aprile 2016 mentre racconta fatti accaduti nel ’92, lo dice chiaramente: “Berlusca mi ha chiesto questa cortesia… per questo c’è stata l’urgenza”. Per il consulente portato in aula dal difensore di […]
Cronaca - 7 ottobre 2017

Capaci-bis, possibili i “mandanti occulti”

Se davvero ci fu un “mandato occulto” alla strage di Capaci, se dietro il botto dell’autostrada si dispiegò una strategia del terrore “di matrice meta-mafiosa, cioè imputabile a pezzi deviati delle istituzioni”, è un’eventualità che non si pone affatto come “alternativa all’ideazione del medesimo piano in ambito mafioso”. Lo scrive la Corte d’Assise di Caltanissetta, […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×