/ di

Sandra Rizza Sandra Rizza

Sandra Rizza

Giornalista giudiziaria

Sandra Rizza, sono giornalista giudiziaria e ho scritto alcuni saggi sul rapporto tra  mafia e politica. Gli ultimi: ”L’Agenda Rossa” (2007), ”Profondo nero” (2008), e ”L’Agenda nera della Seconda Repubblica” (2010), tutti pubblicati da Chiarelettere.

Sono cresciuta professionalmente al giornale ”L’Ora” di Palermo, negli anni Ottanta, durante la guerra di mafia che porto’ i corleonesi di Toto’ Riina al vertice di Cosa nostra. Dopo la

chiusura de ”L’Ora”, ho seguito le cronache dello stragismo per il settimanale ”Panorama” di cui sono stata corrispondente dalla Sicilia. Dal 2001 al 2008 ho fatto il redattore giudiziario all’Ansa di Palermo. Ho collaborato saltuariamente per ”il manifesto”, ”la Stampa”, ”Micromega”. Attualmente scrivo su ”il Fatto Quotidiano” da Palermo.

Articoli In Edicola di Sandra Rizza

Italia - 6 Novembre 2018

Depistaggio Borsellino, Viminale parte civile

Il Viminale si smarca e chiede 60 milioni di euro di risarcimento per “danno all’immagine” ai tre poliziotti imputati a Caltanissetta con l’accusa di aver “indottrinato” il falso pentito Vincenzo Scarantino. E così il processo per il depistaggio di via D’Amelio, ieri alla sua udienza di apertura, entra subito nel vivo di una questione incandescente: […]
Cronaca - 16 Giugno 2018

“Riesumate il corpo di Attilio Manca”

“Dalla riesumazione della salma di Attilio Manca, potrebbero emergere elementi decisivi per la tesi dell’omicidio di mafia”. Parola dell’avvocato Fabio Repici, che con Antonio Ingroia assiste i familiari dell’urologo siciliano trovato cadavere nella sua casa di Viterbo l’11 febbraio 2004, in quella che la procura locale ha liquidato come un’overdose e che la madre, Angela […]
Cronaca - 9 Marzo 2018

Depistaggio strage via d’Amelio, 3 poliziotti rischiano il processo: “indottrinavano” il falso pentito

La procura di Caltanissetta chiude le indagini sul depistaggio di via D’Amelio e si appresta a chiedere il rinvio a giudizio di tre poliziotti del gruppo Falcone-Borsellino: sono il funzionario Mario Bo e gli ispettori Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo. Avrebbero partecipato, con ruoli diversi, all’“indottrinamento” del falso pentito Vincenzo Scarantino, forzandolo ad accusare alcuni […]
Cronaca - 2 Marzo 2018

Trattativa, la difesa di Mori: “Solo fango sui carabinieri”

Il papello? “Un documento partorito dalla fantasia di Massimo Ciancimino” (nella seconda foto). Il figlio del potente ex sindaco di Palermo, don Vito? “La sua attendibilità è stata gettata a mare dai giudici”. Il processo sulla Trattativa Stato-mafia? “Il tentativo di ricostruire la storia secondo un’impostazione politico-ideologica per mascariare (sporcare, ndr) gli ufficiali del Ros”. […]
Cronaca - 23 Febbraio 2018

“Polpetta avvelenata su De Gennaro, ma io non lo sapevo”

Processo Trattativa.”Non c’è mai stato dolo, da parte mia, nell’accusare Gianni De Gennaro”. Lo ha detto Massimo Ciancimino, che ieri ha fatto una dichiarazione spontanea in aula a Palermo. Poco prima l’avvocato Claudia La Barbera aveva chiesto per lui l’assoluzione sostenendo che “la calunnia presuppone consapevolezza, ma il mio assistito non sapeva di avere una […]
Cronaca - 17 Febbraio 2018

Difesa di Dell’Utri: “La Trattativa è solo un racconto intrigante, non c’è prova del ricatto a B.”

“L’accusa è cadutadentro una trappola mentale: si chiama wishful thinking, pensiero illusorio, si segue una credenza e si ignora tutto ciò che la contraddice”. Nell’aula bunker di Palermo l’avvocato Francesco Centonze ricorda che “la Trattativa non ha nessun rilievo penale”, contesta radicalmente l’esistenza di una minaccia veicolata dal suo assistito Marcello Dell’Utri fino al cuore […]
Politica - 16 Febbraio 2018

“Mancino non ha mentito: è Martelli che ricorda male”

“Nicola Mancino è imputato per falsa testimonianza, ma per l’effetto mediatico è diventato l’emblema della trattativa”. Nell’aula bunker è il giorno degli avvocati Massimo Krogh e Nicoletta Piergentili Piromallo, difensori dell’ex ministro dell’Interno per il quale i pm hanno chiesto 6 anni di carcere. Ricordando il ruolo “secondario” del loro assistito, entrambi i legali esordiscono […]
Cronaca - 10 Febbraio 2018

Boss Bagarella e Mario Mori: stessa “difesa” sulla Trattativa

Senza attendere l’arringa dei suoi difensori, il boss Leoluca Bagarella (in foto) invia una memoria autografa alla Corte d’assise di Palermo chiedendo “di essere assolto dal reato contestato per non averlo commesso”, oppure, in subordine, che “venga applicato l’articolo 649 del codice di procedura penale”. Il padrino di Cosa nostra, che ha collezionato 13 ergastoli […]
Italia - 3 Febbraio 2018

La parte civile: “La Trattativa dietro i morti di Firenze”

Ci sarebbe stata la strage di Firenze se Mori non fosse mai andato a trovare Vito Ciancimino?”. L’avvocato Danilo Ammannato, parte civile per l’associazione vittime dei Georgofili, porta nell’aula bunker di Palermo “quelle tessere di sangue” che compongono il puzzle della trattativa Stato-mafia, e lancia una domanda provocatoria alla quale lui stesso fornisce la risposta: […]
Cronaca - 29 Ottobre 2017

Quando Mattarella ripuliva Wikipedia sul padre e la mafia

Per sei volte, nell’aprile 2009, è entrato nella pagina di Wikipedia sull’ex ministro dc Bernardo Mattarella, scomparso nel ’71, per correggere una biografia che evidentemente lo infastidiva. Se non è un mitomane che si firma col suo nome (ma pervaso dalla stessa devozione di un figlio), l’autore delle modifiche potrebbe essere proprio il capo dello […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×