Monica Frassoni

Monica Frassoni

Verde europea

Sono nata in Messico, adoro ballare la salsa e mangiare piccante.
Ho studiato scienze politiche a Firenze e sono arrivata a Bruxelles nel 1987, per fare la Segretaria generale dei Giovani federalisti (JEF), sezione giovanile del Movimento federalista europeo fondato tra gli altri da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi. Nel 1990, ho cominciato a lavorare al neonato Gruppo dei Verdi al Parlamento europeo, con Adelaide Aglietta e Alex Langer. Sono stati anni di grande fermento per l’Europa, da Maastricht, alla Carta dei diritti fondamentali, alla battaglia per la costituzione europea. Nel 1999, sono stata eletta deputata europea nelle liste di ECOLO, i Verdi belgi, prima italiana eletta all’estero, un evento veramente sorprendente, almeno per me. Nel 2004 sono stata rieletta, questa volta con i Verdi italiani. Dal 2002 al 2009 ho presieduto il Gruppo dei Verdi con Daniel Cohn-Bendit, un vero fenomeno di simpatia e originalità dalle manifestazioni del ’68 in Francia ad oggi.
Nel 2006 ho guidato due missioni di osservazione elettorale della UE in Bolivia e in Venezuela e da allora mi interessa molto il tema dell’assistenza elettorale ai paesi in via di sviluppo. Una volta uscita dal PE, sono stata eletta per tre volte co-Presidente dei Verdi Europei, incarico che ho lasciato nel novembre 2019.

Con un simpatico gruppo di esperti europei di osservazione e assistenza  elettorale, ho partecipato alla creazione di ECES, European Center for Electoral Support, che presiedo dal 2013. Infine, nel 2010 ho co-fondato con un gruppo di imprese e think tanks la European Alliance to Save Energy – EUASE, di cui sono Presidente.
Dal dicembre 2018 sono uno dei cinque consiglieri comunali non belgi a Ixelles, uno dei comuni della regione di Bruxelles, dove per la prima volta governano i Verdi.

Adn Kronos Adn Kronos www.adnkronos.com