/ di

Massimo Fini Massimo Fini

Massimo Fini

Giornalista e scrittore

Massimo Fini, di padre toscano e madre russa, è nato sul lago di Como il 19 novembre 1943. Dopo la laurea a pieni voti in giurisprudenza, ha lavorato come impiegato alla Pirelli, copywriter, pubblicitario, bookmaker, giocatore di poker. Arriva al giornalismo nel 1970 all’ Avanti, dove segue come cronista i più importanti fatti di criminalità politica di quegli anni (omicidio Calabresi, morte dell’ editore Feltrinelli, processo per la strage di Piazza Fontana). Alla fine del 1972 passa, come inviato, all’ Europeo di Tommaso Giglio e Oriana Fallaci. Nel giugno del 1979 lascia l’ Europeo perchè occupato dai socialisti di Claudio Martelli e la Rizzoli in mano a Bruno Tassan Din e vive per qualche tempo di collaborazioni. Nei primi anni ’80 è animatore, insieme al fondatore Aldo Canale, del mensile di politica e cultura Pagina in cui si sono formati alcuni dei più notevoli intellettuali e giornalisti d’ oggi, da Ernesto Galli della Loggia a Paolo Mieli, da Giuliano Ferrara a Pier Luigi Battista a Giampiero Mughini. Nel 1982 entra al Giorno di Guglielmo Zucconi e Pier Luigi Magnaschi, come inviato ed editorialista, cominciando una solitaria battaglia contro la partitocrazia. In una lettera aperta a Claudio Martelli, allora vicesegretario socialista, gli predice il crollo del sistema e la fine del PSI. Ma bisognerà aspettare ancora 10 anni. Come inviato viaggia in Europa, (Germania ovest ed est, Gran Bretagna, Spagna, Polonia, Francia, Ungheria, Bulgaria, Turchia), negli Stati Uniti, in Unione Sovietica, in Egitto, in Israele, in Libano, in Giordania, nell’ Iran di Khomeini, in Sudafrica. Nel 1985 rientra all’ Europeo come inviato ed editorialista e vi tiene per 10 anni la principale rubrica del giornale, Il Conformista. Nel 1992 lascia Il Giorno per L’ Indipendente di Vittorio Feltri e contribuisce, come prima firma del giornale, alla trionfale cavalcata dal quotidiano che passa, nel giro di un anno e mezzo, dalle 19 mila alle 120 mila copie, fatto unico nella storia del giornalismo italiano del dopo guerra. Quando Feltri lascia l’ Indipendente si rifiuta di seguirlo al Giornale di Silvio Berlusconi. Attualmente lavora per Il Fatto Quotidiano, Il Gazzettino e dirige il mensile La Voce del Ribelle con la collaborazione di Valerio Lo Monaco.Ha partecipato, insieme a Daniele Vimercati, alla rifondazione del Borghese, storico settimanale fondato da Leo Longanesi. Nel suo deambulare alla ricerca di spazi liberi ha collaborato con quasi 100 testate. E’ divorziato ed ha un figlio, Matteo. Ha pubblicato: La Ragione aveva Torto? (Camunia 1985, ripubblicato da Marsilio in edizione tascabile nel 2004); Elogio della guerra (Mondadori 1989 e Marsilio 1999); Il Conformista (Mondadori 1990); Nerone, 2000 anni di calunnie (Mondadori 1993); Catilina, ritratto di un uomo in rivolta (Mondadori 1996); Il denaro, “sterco del demonio” (Marsilio 1998); Dizionario erotico, manuale contro la donna a favore della femmina, (Marsilio 2000); Nietzsche, L’ apolide dell’ esistenza (Marsilio 2002), Il vizio oscuro dell’ Occidente (Marsilio 2003) ; Sudditi (Marsilio 2004); Il Ribelle dalla A alla Z (Marsilio 2006); Ragazzo. Storia di una vecchiaia (Marsilio 2007); Il dio Thot (Marsilio 2009); Senz’anima (Chiarelettere 2010). E’ stato anche attore e autore dell’opera teatrale “Cyrano, se vi pare” per la regia di regista Eduardo Fiorillo. www.massimofini.it

Articoli di Massimo Fini

Cultura - 2 Maggio 2016

25 aprile, la festa di (pochi) eroi uccisa dalla retorica. Così l’Italia non ha fatto i conti con se stessa

La Festa della Liberazione ha avuto quest’anno uno scarso seguito popolare (piazza Duomo, per fare un esempio, era a esser generosi vuota a metà rispetto a certe adunate oceaniche di qualche tempo fa). Anche i giornali, in linea di massima, si sono adeguati a questo disinteresse e alcuni, come Il Tempo di Roma, hanno concluso […]
Cultura - 16 Febbraio 2015

Massimo Fini, in un libro la carriera di un giornalista “per tutti o per nessuno”

Pubblichiamo alcuni stralci del saggio di Massimo Fini “Una vita – un libro per tutti o per nessuno”, appena uscito per Marsilio. La mia vita, che qui racconto, ha attraversato questa terra di nessuno. Anche se ha qualche peculiarità (sono figlio di tre culture, italiana, russa, francese e ho fatto un mestiere, quello del giornalista, […]
Politica - 26 Agosto 2010

Quando feltri picchiava su Berlusconi

A scartabellare vecchi giornali viene il magone, soprattutto se vi si è lavorato, ma si trovano a volte delle cose divertenti oltre che istruttive. Leggete qui: “Diconsi quattordici anni. Durante i quali la Rai ha mantenuto gli antichi privilegi (canone, diretta, deficit ripianato dallo Stato) e la Fininvest ne ha scippati vari per sé, complici […]
Mondo - 12 Giugno 2010

Guerra in Afghanistan: tutti sudditi della Nato

La guerra all’Afghanistan è la più lunga che gli Stati Uniti abbiano mai combattuto. Più del Vietnam (104 mesi, per ora, contro 103), più della Seconda guerra mondiale (44 mesi), più della Guerra di Secessione (48 mesi), più della Rivoluzione americana (81 mesi), più della guerra all’Iraq ancora in corso (86 mesi). Che senso ha […]
Politica - 11 Febbraio 2010

La vergogna di dirsi berlusconiani

Con Berlusconi si manifesta un singolare fenomeno, già noto ai tempi della Democrazia cristiana. Negli anni Sessanta e Settanta erano rarissimi quelli che ammettevano di votare Dc. Ma il partito del "Biancofiore, simbol d’amore" prendeva regolarmente, a ogni elezione, il 30 per cento dei suffragi. Evidentemente chi lo votava se ne vergognava. Così è con […]
Politica - 30 Gennaio 2010

Odio e amore ai tempi di Feltri

Da quando il Cavaliere ha lanciato, sia pure ancora solo nella sua fertile fantasia, il “Partito dell’Amore” la parola d’ordine di tutti i berluscones è: odio. Autoproclamarsi “Partito dell’Amore” è già una dichiarazione di odio. Se io infatti sono dalla parte dell’Amore tutti quelli che mi sono contrari cosa possono essere se non dei seguaci […]
Politica - 19 Gennaio 2010

Una legge ad personam anche per me

di Totò Riina* Egregio dottor Massimo Fini, le chiedo scusa se mi permetto di rivolgermi a Lei, ma, benché io sia notoriamente religioso e credente, non so più a che santo votarmi. Da anni, anzi da decenni, sono vittima di un "racket dell’odio" che vede uniti certi settori di una magistratura deviata e si può […]
Politica - 16 Gennaio 2010

Commozione indotta

Un paio di anni fa, a Roma, nel popoloso quartiere di Porta Pia, un portinaio che stava pulendo delle vetrate al quarto piano di un palazzo perse l’equilibrio e precipitò sul selciato, morto. La gente che passava aggirava il cadavere oppure disinvoltamente lo scavalcava, badando bene a non inzaccherarsi le scarpe. La settimana scorsa passavo […]
Politica - 1 Gennaio 2010

Vallanzasca, grazia per il bandito onesto

Ai tangentisti si intitolano piazze e giardini, lui ha già scontato 30 anni senza mai lamentarsi: Presidente Napolitano, intervenga L’11 gennaio comincerà la lavorazione del film su Renato Vallanzasca prodotto dalla Twenty Century Fox, con la regia di Michele Placido e Kim Rossi Stuart nella parte di colui che fu “il bel Renè”. La circostanza […]
Politica - 26 Dicembre 2009

Vecchi senza resurrezione

Martedì sera a Vespa a Vespa si parlava di pensioni, argomento dalle mille sfaccettature. Si potrebbe cominciare col dire che se gli attuali pensionati, dopo trentacinque o quarant’anni di lavoro, hanno remunerazioni ridicole, e ancor peggio andrà a quelli che li seguiranno, è perché negli anni ’80 la classe politica ha sperperato i soldi, per […]
Emergenza cultura. L’Italia è in vendita (lo ha deciso Franceschini)
Calabria, il teatro è abbandonato a se stesso: ma c’è chi resiste

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×