/ di

Giuseppe Bizzarri Giuseppe Bizzarri

Giuseppe Bizzarri

Giornalista

Sono di Roma, ma vivo da circa venti anni in Brasile, dove sono nato per la seconda volta nella stessa vita. Abito a Rio de Janeiro, ma i primi dieci anni vissuti al Tropico del Capricorno, li ho trascorsi a São Paulo, dove ho lavorato per la stampa locale, tra cui la Gazeta Mercantil, ISTOÉ e Caros Amigos. Sono un giornalista multimediale, indipendente e, attraverso l’apprendimento dei fatti e delle altre realtà, cerco di arrivare alla conoscenza di me. Ho studiato Lettere all’Università di Roma “La Sapienza” negli Anni di Piombo, il periodo storico in cui mi sono fatto le ossa nel giornalismo, collaborando con alcuni corrispondenti della stampa estera in Via della Mercede. Nel 2000 ho vinto il premio Zapping di giornalismo con il reportage “Carceri brasiliane: nell’inferno dei vivi”, pubblicato dal settimanale Avvenimenti. Ho un’estesa esperienza coprendo servizi per la Fao nel mondo. Ho realizzato mostre fotografiche a Roma, Parigi, São Paulo e Rio de Janeiro. 

http://giuseppebizzarri.com/

Articoli Premium di Giuseppe Bizzarri

Mondo - 9 ottobre 2018

L’ex ufficiale Bolsonaro sogna: da degradato a presidente

I suoi oppositori non vogliono neanche nominarlo, preferiscono chiamarlo con il soprannome “Lui no”, lo slogan coniato dalle donne, divenuto un simbolo di lotta in Brasile. Parliamo di Jair Messias Bolsonaro, il candidato alla presidenza che, con il Psl ha ottenuto più voti al primo turno – ma non la maggioranza – e disputerà il […]
Mondo - 7 ottobre 2018

L’incubo di mezzo Brasile: Bolsonaro subito vincente

Non si vedono più gli inconfondibili sbandieratori dei partiti e l’ossessivo volantinaggio politico che avevano segnato le precedenti campagne elettorali nelle strade di Rio de Janeiro. La campagna elettorale si è trasferita altrove, sugli smartphone dei brasiliani che si scambiano in maniera compulsiva messaggi, ponendo fine anche a lunghe amicizie, spezzate dall’ideologia politica di un […]
Mondo - 4 ottobre 2018

La sfida elettorale dei 54 candidati trans per opporsi al machismo di Bolsonaro

Se Jair Messias Bolsonaro – l’ex capitano dell’esercito candidato alla presidenza nelle elezioni del 7 ottobre con il Psl – mostra una pericolosa retorica populista, antagonista a qualsiasi diritto umano, il record di candidati e candidate trans al Senato e alla Camera rappresentano, contemporaneamente, l’espressione di una resistenza alternativa. “Il movimento Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali […]
Mondo - 30 settembre 2018

“Hanno fatto fuori Dilma e Lula ma Haddad vincerà la paura”

Celso Amorim non pensava di divenire un diplomatico, invece è stato ministro degli Esteri (1993-1994) nel governo di Itamar Franco e poi (2003-2010), con Inacio Lula da Silva; e anche ministro della Difesa (2011-2014) con Dilma Rousseff. È lui ad aver scritto il programma di politica estera di Fernando Haddad, candidato della sinistra alla Presidenziali […]
Mondo - 15 settembre 2018

Il “perseguitato” Lula val bene un viaggio a Rio

Il giovedì è un giorno molto atteso per l’ex presidente Inacio Lula da Silva: sono ammesse le visite nella cella della polizia federale di Curitiba, dove dal 7 aprile Lula sconta una condanna di 12 anni per corruzione e riciclaggio. Dopo l’ex presidente uruguaiano Pepe Mujica, quello colombiano Ernesto Samper e l’ex presidente del Parlamento […]
Mondo - 9 settembre 2018

“Elezioni, indios candidati per salvare le loro terre”

Le terre indigene sono sempre più minacciate e i leader di circa cento nazioni indio si sono impegnati ad appoggiare, per la prima volta nella storia brasiliana, la candidatura di almeno 36 loro rappresentanti che concorreranno alla carica di deputato e senatore: l’obiettivo più importante è la vice presidenza e la donna che rappresenta gli […]
Mondo - 8 settembre 2018

Comizi, coltellate e colpi bassi: sono le elezioni, bellezza

“Quando semini odio raccogli tempesta. Promuovere certe attitudini non è mai positivo: non puoi dire che uccidere è legittimo. Non puoi dirlo. Ma, considerazioni a parte, ora chi si è reso responsabile dell’aggressione non deve rimanere impunito”. Così l’ex presidente Dilma Rousseff ha commentato l’attentato a Jair Messias Bolsonaro, l’ex capitano dell’esercito e candidato dell’estrema […]
Mondo - 4 settembre 2018

Rio, il museo in fumo come le speranze carioca

È bruciato come una favela, il Museu Nacional di Rio de Janeiro, l’ex residenza dell’imperatore portoghese Dom João VI che, duecento anni fa, trasformò (1818) il suo sontuoso palazzo nell’istituzione scientifica più antica del Brasile e nel primo museo della storia del paese; tutto è andato in fumo. “Sono duecento anni di memoria, scienza, cultura […]
Mondo - 29 agosto 2018

Il voto dei generali: la campagna del “Clube militar”

Nonostante la normativa elettorale e lo statuto interno del Clube militar lo proibiscano, l’antica istituzione militare brasiliana, fondata nel 1887, partecipa attivamente alla campagna dell’ex capitano della riserva, Jair Messias Bolsonaro, il candidato dell’estrema destra e del Partido Progressista, alle elezioni presidenziali previste per il 7 ottobre. Il suo alleato principale è Antonio Hamilton Martins […]
Mondo - 23 agosto 2018

Politica, estorsioni e pallottole: favelas, territorio dei paramilitari

“Non ho il minimo dubbio. Non occuperanno mai le favelas controllate dai miliziani”. Alba Zaluar, professoressa d’antropologia esperta in violenza e sicurezza urbana dell’Università statale di Rio de Janeiro, aveva dichiarato, il 18 febbraio scorso, al Fatto Quotidiano che l’intervento del governo federale sulla sicurezza di Rio non avrebbe coinvolto le aree urbane occupate dalle […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×