/ di

Federico Pontiggia Federico Pontiggia

Federico Pontiggia

Giornalista e scrittore

Il 14 gennaio 1978 a Seveso nevicava: la casa prese fuoco comunque. Sono stato anche a Chernobyl, dove però non sono più tornato. Sul Cavaliere Azzurro di Kandinskij il primo pezzo che ricordo. Poi, a Torino ho incontrato il cinema: sono passato dal Terzo uomo al Cattivo tenente, ci ho fatto la tesi, e tante altre cose. Oggi, sono redattore di cinematografo.it e Rivista del Cinematografo, scrivo, tra gli altri, per Rolling Stone, Carta e Il Cittadino di Monza e Brianza. Ma vivo a Roma: ricambiato

Articoli Premium di Federico Pontiggia

Cultura - 9 agosto 2018

Il diamante più sexy non sopportò il peso dei suoi tanti Carati

Non che un altro cinema, anzi, “il” cinema l’avrebbe salvata, giacché il genere del caso si chiama exploitation e non sfruttamento, e la lingua è paternità. Eppure è lì, Oltreoceano, che tutto è già scritto, quattro anni prima che muoia, lì che sogno e preghiera vanno a braccetto, e cercano la vena buona: “La sai […]
Cultura - 2 agosto 2018

Quando Lucio salvò Dario Argento dall’attentato bomba Raf

Che Dario Argento sia vivo è merito suo: “Se Trentini – ha rivelato nel memoirPaura – non ci avesse distratto con le sue Mercedes avremmo fatto una brutta fine”. Monaco di Baviera, il set diSuspiria (1977, il remake di Luca Guadagnino è alla 75esima Mostra di Venezia), Argento e il direttore della fotografia Luciano Tovoli […]
Società - 26 luglio 2018

E per un pugno di dollari Vania comprò Wenders

L a famiglia stessa è cinema. E sì, c’entrano anche quei fratelli. Si parte nel 1904, con nonno Ottorino e il fratello Gino che non si risolvono al destino già scritto di ricchi agricoltori nel Mantovano. Agli acri preferiscono i fotogrammi, alle colture la cultura: si appassionano all’incipiente settima arte, a tal punto da raggiungere […]
Cultura - 26 luglio 2018

Da “First man” al western dei Coen. Baratta: “Facciamo la storia”

A domanda precisa, “con questa 75esima edizione Venezia conquista la supremazia nel panorama festivaliero mondiale?”, il direttore Alberto Barbera si schermisce: “Sì o no, non posso dirlo io”. In prima fila, i selezionatori annuiscono compatti. Il segreto del riguadagnato primato della Mostra sta tutto qui: celare la grandeur francese dietro l’understatement anglosassone, e più non dimandare. […]
Cultura - 19 luglio 2018

Deodato, il “Cannibale” che reinventò l’horror

C’è un’invenzione italiana e dunque una scopiazzatura americana, dietro l’horror dei miracoli The Blair Witch Project, che usciva nelle sale statunitensi il 16 luglio del 1999 – da noi sarebbe arrivato il 18 febbraio 2000. La “creatura” dei registi e sceneggiatori Daniel Myrick e Eduardo Sánchez ha un merito invidiabile, forse da spartirsi con il […]
Cultura - 17 luglio 2018

Suburra 2, il mondo di mezzo alla prova dell’immigrazione

“Serve una cosa più grossa, dobbiamo farla in centro, per spaventare la borghesia”. Di fronte quei brutti ceffi di Aureliano (Alessandro Borghi) e Spadino (Giacomo Ferrara), al fianco la traffichina Sara Monaschi (Claudia Gerini), il committente è un politico, Amedeo Cinaglia (Filippo Nigro), “compromesso, corrotto e ipocrita, ma con un gruzzoletto di voti buono a […]
Società - 12 luglio 2018

Piero Piccioni, il grande “epperò” del cinema che musicò Albertone

Molti l’hanno fissato negli orecchi il 27 febbraio di 15 anni fa, al funerale di Alberto Sordi. Fu la sua musica, fu la sigla di Storia di un italiano ad accompagnare il feretro dell’attore al Verano, facendo ballare e piangere insieme la folla dell’ultimo addio. Dopo essersi conosciuti in radio – erano per il futuro […]
Cultura - 9 luglio 2018

Addio Vanzina, per 40 anni l’occhio su uno stile d’Italia

Se n’è andato l’occhio, dei fratelli Vanzina. Il regista dei due, Carlo, classe 1951 e un’altra senza età: “il massimo della snobberia è fare film di Natale, e la sera leggere Maupassant”. Aveva 67 anni, e fino all’ultimo ha avuto l’affetto dei propri cari, la moglie Lisa, le due figlie e il fratello Enrico: “Nella […]
Cinema - 3 luglio 2018

Zalone-Virzì non si fa: Medusa a caccia del quinto successo

Mannaggia, la coppia delle meraviglie non si farà, ma ci si è andati vicini: Checco Zalone davanti e Paolo Virzì dietro la macchina da presa. Il campione d’incassi, capace di 173 milioni di euro con quattro film (Cado dalle nubi, Che bella giornata, Sole a catinelle, Quo vado?), e l’autore che meglio ha saputo, da […]
Cultura - 29 giugno 2018

Un sacrificio piatto. Ridateci Kubrick e gli antichi Greci

No, ovviamente Yorgos Lanthimos non è Kubrick, né un epigono, un parente, un seguace, un simulacro. Idem Christopher Nolan, che Stanley non è. Sgombrato il campo da questa associazione criminale eppure criticamente ancora a piede libero, e in attesa di vedere The Favourite con Emma Stone e Rachel Weisz plausibilmente alla 75. Mostra di Venezia, […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×