Speciale Festival di Sanremo 2024

Sanremo 2024, Francesco “Pecco” Bagnaia all’Ariston. Solo cinque mesi fa il tremendo incidente in MotoGp: “Ero distrutto, non riuscivo ad alzarmi dal letto”

"Imprese" è probabilmente il termine più adatto quando si pensa a Bagnaia che, oltre ad avere una carriere invidiabile nel motorsport, è riuscito a recuperare da infortuni che sembravano potenzialmente compromettenti

di Andrea Bressan

Una nuvola rossa appare ed è più luminosa del cielo e, per qualche secondo, è più luminosa del sole”, così il telecronista Guido Meda ha omaggiato Francesco Bagnaia nel corso dell’ultimo giro che, ha portato il pilota della Ducati a tagliare il traguardo, consentendogli di vincere il secondo mondiale MotoGP. Una storia, quella di “Pecco” (come viene soprannominato), partita dai motori ed arrivata fino al Festival di Sanremo 2024. All’Ariston, Bagnaia non potrà portare con sé la sua inseparabile moto ma, sarà testimone di “tutte le imprese sportive che sta facendo“, come ha dichiarato lo stesso Amadeus.

“Imprese” è probabilmente il termine più adatto quando si pensa a Pecco che, oltre ad avere una carriere invidiabile nel motorsport, è riuscito a recuperare da infortuni che sembravano potenzialmente compromettenti. Gli appassionati di MotoGP difficilmente scorderanno il tragico incidente lo ha visto suo malgrado protagonista domenica 3 settembre 2023 sul tracciato della Catalogna. In quell’occasione, Bagnaia ha visto la moto dell’incolpevole rivale, Brad Binder, passargli sulla gamba destra, dopo esser violentemente caduto a terra dalla propria Ducati. Tutti temevano il peggio, il rischio frattura (se non qualcosa di peggio) era dietro l’angolo ma, ‘miracolosamente’ (è proprio il caso di dirlo) le notizie sulle condizioni di salute del pilota, si sono rivelate confortanti. Dal centro medico del circuito del Montmelò, Pecco è stato trasferito all’ospedale di Barcellona per ulteriori accertamenti. Gli esami specialistici però, non hanno evidenziato alcun segno di rottura delle ossa, con la possibilità, quindi, di correre al successivo GP, quello di Misano, in programma pochi giorni dopo. Nella gara romagnola, Bagnaia si è sorprendentemente classificato terzo, apparentemente, come se lo spaventoso incidente non si fosse mai verificato.

“Nella mia esperienza con la Clinica Mobile non ho assistito mai ad episodi simili. Quando sono capitati incidenti così c’era sempre la fattura, quindi per me è la prima volta che vedo una cosa così“, aveva dichiarato il dottor Bruno Cavalieri, dirigente medico dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna esperto in ortopedia e traumatologia, in un’intervista concessa a Fanpage. “L’incidente patito nel GP di Barcellona è stato uno dei momenti più duri della mia carriera. Il giorno dopo la caduta, mi sono alzato ed ero completamente distrutto, non avevo nemmeno le forze per alzarmi dal letto. Non è stato facile ma ho spinto tanto dal punto di vista mentale e ho preferito non condividere il mio stato di salute e come mi sentissi con la stampa e con la gente. Perché la gente non può capire tutto e non volevo avere alcun tipo di scusa”, aveva rivelato il campione del mondo Bagnaia che, per il 2024, punterà alla tripletta di vittorie. Perché, in fondo, ‘non c’è due senza tre’.

Sanremo 2024, Francesco “Pecco” Bagnaia all’Ariston. Solo cinque mesi fa il tremendo incidente in MotoGp: “Ero distrutto, non riuscivo ad alzarmi dal letto”
Precedente
Precedente
Successivo
Successivo

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.