E’ ufficialmente calato il sipario sulla scena musicale per Daddy Yankee. Il cantante si ritira dalla musica per intraprendere un percorso spirituale. L’annuncio era arrivata un anno fa ma ora, finito il suo ultimo tour mondiale, l’artista ha potuto salutare in maniera definitiva i fan: “Questo giorno per me è il più importante della mia vita… Stasera riconosco, e non mi vergogno di dirlo al mondo intero, che Gesù vive in me e che io vivrò per lui. Questa è la fine di un capitolo e l’inizio di uno completamente nuovo. Tutti gli strumenti che ho, la musica, i social media, un microfono, sono ora per il regno… Non seguite un uomo, io sono una persona, a tutti quelli che mi hanno seguito, seguite Gesù Cristo”, ha detto commosso il 46enne prima di lasciar cadere il microfono al suolo come segno di ‘conclusione di un percorso’.

‘Chiusa una porta, si apre un portone’ direbbero alcuni, perché nonostante la difficoltà nel lasciare un magnifico pubblico che l’ha circondato di amore per tantissimi anni, il rapper pare essere convinto della decisione intrapresa: “Questa carriera è stata una maratona. Finalmente vedo l’obiettivo finale. Ora mi godrò con tutti voi ciò che mi avete dato. La gente dice che ho reso questo genere globale, ma siete voi ad avermi dato le chiavi per aprire le porte e rendere questo genere il più grande del mondo. Nei barrios, dove siamo cresciuti, la maggior parte di noi voleva diventare uno spacciatore. Oggi vado nei barrios e vogliono diventare artisti, e questo significa molto per me. Lavorerò sempre per non fallire, per ispirare tutti i ragazzi.

Nonostante la fama ed il successo mondiale, Yankee sentiva una mancanza all’interno della propria vita: “Per molto tempo ho cercato di riempire un vuoto nella mia vita che nessuno poteva colmare. Stavo cercando di completare e trovare un significato nella mia vita. A volte sembravo molto felice, ma mancava qualcosa per completarmi. E devo confessare che quei giorni sono finiti”, ha aggiunto. L’annuncio del ritiro dai grandi palcoscenici ha intristito milioni di fan che in cuor loro speravano che questo giorno non arrivasse mai, per quello che è stato uno dei pilastri del genere reggaeton.

Articolo Precedente

Renato Zero: “Oggi più che mai bisogna scendere in piazza, non stare a casa a piangersi addosso davanti alla tv che è vergognosa”. Esce “Autoritratto”, l’autoanalisi più bella dell’artista

next
Articolo Successivo

A proposito di Red Ronnie, Star Trek e il mio amico Nicola Gelo

next