“Dei 400 brani di artisti che mi sono arrivati, ne ho selezionati 50, che mi piacciono”, Amadeus aveva già lasciato intendere nelle scorse settimane che la scelta dei Big in gara al prossimo Festival di Sanremo 2024, che si terrà dal 6 al 10 febbraio, sarebbe stata ardua. “Io non guardo al nome, ma alla canzone”, aveva specificato il direttore artistico della kermesse. Poi la lista “allungata” di 4 nomi da 23 a 27 e molti cantanti – da casa – avranno tirato un sospiro di sollievo. Poi al termine della lettura del 27esimo nome, in diretta al Tg1 delle 13:30 di ieri, la doccia fredda e la delusione.

È il caso di Michele Bravi che ci aveva sperato fino all’ultimo di tornare al Teatro Ariston di Sanremo e, invece, ha pubblicato sui social il video della delusione. Arisa in una story su Instagram aveva incrociato le dita per il responso finale. Anche lei dovrà rimanere a casa nonostante il lavoro certosino della sua nuova etichetta discografica Carosello Records. Così come a casa sono rimaste le glorie della musica italiana come Al Bano, Marcella Bella (che aveva anche presentato un brano in duetto con la Bertè, poi quest’ultima ce l’ha fatta da sola) e Patty Pravo che, a quanto pare, aveva un brano firmato da un illustre collega. Sembra che Bresh, stimatissimo cantautore della nuova generazione genovese, sebbene avesse una canzone potente, non sia riuscito per un soffio ad entrare tra i 27 nomi. Anche i vincitori dell’edizione 2018 Ermal Meta e Fabrizio Moro (stavolta si sono presentati da soli) non hanno convinto Amadeus. Così come non ce l’hanno fatta il vincitore dei Sanremo 2017 Francesco Gabbani e gli Zero Assoluto. Delusione anche per Alexia e Malika Ayane. Se ne riparlerà il prossimo anno con il nuovo direttore artistico.

Intanto fremono i 12 cantanti di Sanremo Giovani per accaparrarsi i tre posti rimanenti (per un totale di 30 canzoni) della finale del 19 dicembre, in prima serata su Rai Uno. A contendersi la “promozione” Clara con “Boulevard”, Vale LP con “Stronza”, Bnkr44 con “Effetti speciali”, Fellow con “Alieno”, Jacopo Sol con “Cose che non sai”, GrenBaud con “Mama”, Nausica con “Favole”, Lor3n con “Fiore D’inverno”, Omini con “Mare Forza 9oi”, Tancredi con “Perle”, Santi Francesi con “Occhi tristi” e Dipinto con “Criminali”.

Articolo Precedente

Il mio amico Frank Zappa ci lasciava trent’anni fa: la sua musica continua a regalarmi sorprese

next