Jorge Martin ha vinto la Sprint Race di Valencia e ora è a soli 14 punti di distanza da Pecco Bagnaia, quinto al traguardo. Il titolo mondiale di MotoGp quindi si decide domani, nell’ultimo Gran Premio della stagione. Lo spagnolo in sella alla Pramac, nonostante scattasse dalla sesta casella, ha raggiunto il primo obiettivo. Lo ha fatto disputando una gara aggressiva, prendendosi rischi. Martin ha dovuto lottare soprattutto con Brad Binder, secondo la traguardo, e con Maverick Vinales, che ancora una volta non è riuscito a tradurre in un successo in gara il grande ritmo e la pole record. Sul terzo gradino del podio, alla fine, ci è finito Marc Marquez.

Bagnaia invece ha pagato soprattutto la scelta della gomma media al posteriore, rivelatasi meno performante della mescola morbida. Ha disputato una gara accorta, senza rischi. Ma deve soprattutto ringraziare i colleghi italiani Fabio Di Giannantonio e Marco Bezzecchi. I due si sono trovati alle spalle dell’amico Pecco e non hanno voluto attaccare la Ducati ufficiali. Soprattutto Di Giannantonio negli ultimi giri sembrava avere un passo nettamente migliore, ma non ha mai rischiato il sorpasso. Probabilmente fa parte del gioco. Certamente è un effetto inevitabile della presenza di così tante Ducati in pista. Sul circuito ‘Ricardo Tormo’ di Valencia Martin ha conquistato l’ottava vittoria stagionale nelle Sprint.

Articolo Precedente

Josh Giddey degli Oklahoma City Thunder sotto accusa per una relazione sessuale con una minorenne

next
Articolo Successivo

MotoGp, Bagnaia è campione del mondo se… Tutte le combinazioni, la situazione a Valencia

next