Valorizzare il patrimonio cine-musicale italiano che vanta iniziatori ed eredi di altissimo livello internazionale, come per esempio Nino Rota ed Ennio Morricone, nonché una filiera creativa che, oggi, garantisce all’Italia di essere seconda solo agli Stati Uniti per il numero di Premi Oscar vinti per la miglior composizione originale: è l’obiettivo perseguito dall’Associazione Musica per Film che riunisce la maggior parte dei compositori di colonne sonore attraverso l’ideazione del Festival della Colonna Sonora. Si tratta di una rassegna organizzata dall’associazione Skené Cultura e scandita da concerti e masterclass che si susseguiranno, a Reggio Calabria, nelle giornate di martedì 6 e mercoledì 7 dicembre, per poi concludersi, giovedì 8, con il Gran Galà della Colonna Sonora al teatro Cilea.

“Condurremo gli spettatori in un viaggio ideale – dichiara il direttore artistico Franco Eco – in cui la musica sarà il punto di vista privilegiato per la fruizione dell’opera cinematografica. Il mondo della musica per cinema, così evanescente ed etereo per sua intrinseca natura semantica, sarà svelato attraverso questo Festival che prenderà per mano il pubblico per svelare i segreti artigianali della filiera creativa della musica per film”. Eco, insieme al direttore organizzativo Alessandro Bagnato e al comitato tecnico scientifico composto da Pasquale Catalano, Riccardo Giagni e Alessandro Molinari, assegnerà il Premio del Festival della Colonna Sonora, realizzato dal maestro orafo Michele Affidato, a tre personalità del mondo della musica per film: Virginia Guastella, talentuosa compositrice che si contraddistingue in un settore declinato prettamente al maschile, Giuliano Taviani, vincitore del David di Donatello per le musiche di film Anime Nere, e Toni Verona, tra i soci fondatori della casa discografica indipendente Ala Bianca nonché editore musicale di Anime Nere.

Il Festival della Colonna Sonora, inoltre, mira a promuovere anche l’inclusività giovanile attraverso le masterclass sulla musica per film, che saranno tenute da Massimo Privitera, Pasquale Catalano e Franco Eco al Conservatorio di Cosenza e al liceo musicale di Polistena. Ogni allievo avrà la possibilità di confrontarsi e relazionarsi in un ambiente musicale dinamico e innovativo, favorendo un avviamento professionale in un settore disciplinare strategico come il cinema, oltre che un rilancio culturale per il Sud Italia.

Nel calendario del festival ci sono eventi di qualità che vedranno protagonisti il pianista Andrea Francesco Calabrese e l’Orchestra del Teatro Cilea, diretta da Alessandro Bagnato.

Articolo Precedente

Pinguini Tattici Nucleari a FqMagazine: “C’è chi ci critica per il nostro tour negli stadi? Lo capiamo. Eravamo spaventati, ma i risultati e i sold out ci sono”

next
Articolo Successivo

Sanremo 2023, è ricominciato il teatrino delle critiche e delle battute: state sereni

next