Ci accoglie la statua colossale di Costantino. A Roma ci sono pezzi in marmo dell’imperatore sparsi nel cortile del Campidoglio. Un video ci mostra la rielaborazione in 3D dei frammenti e la ricostruzione (operazione mai tentata prima) del calco della statua, alta una trentina di metri, ed esposta in tutta la sua magnificenza nella cisterna della Fondazione, è impressionante. Il pavone in bronzo dorato prima decorava il mausoleo dell’imperatore Adriano poi è passato a ornare una fontana davanti alla vecchia Basilica di San Pietro. Da latrina romana in marmo rosso di porfido, pietra simbolo del potere, promossa a trono papale. L’apertura al centro serviva ad accertare il sesso maschile del pontefice. L’originale è andata persa ma il clone del “Il Giovane di Magdalensberg “ fu regalato nel ‘500 dall’Arciduca Fernando alla sorella Maria d’Ungheria. Altri reperti portano invece la “firma” dell’autore e il “fatto in Atene” era un’attestato di autenticità. Come oggi sarebbe il Made in Italy. A cura di Salvatore Settis con Anna Anguissola e Denise La Monica con percorso allestito ideato da Rem Koolhaas/OMA, “Recycling Beauty” è un’inedita ricognizione dedicata al tema del riuso di antichità greche e romane in contesti post-antichi, dal Medioevo al Barocco. La mostra si inserisce in un’indagine più estesa che Fondazione Prada ha intrapreso dal 2015 quando presentò contemporaneamente negli spazi di Milano e Venezia “Serial Classic” e “Portable Classic”, sempre curate da Salvatore Settis.

Le opere indagano le ragioni funzionali, politiche o religiose del reimpiego di antichità. È il caso del gruppo scultoreo di età ellenistica del Leone che azzanna un cavallo (IV secolo a.C.), che nel Medioevo viene collocato sul Campidoglio e diventa allegoria del buon governo cittadino. Ne è un esempio anche il riuso di monumenti sepolcrali antichi decorati con scene mitiche che nessuno sapeva più ‘leggere’, se non come generica testimonianza della grandezza di un impero scomparso o della sconfitta del paganesimo. Fra questi, un sarcofago dionisiaco di Cortona (II sec. d.C.) reimpiegato nel 1247 come sepolcro del beato Guido, e un’urna etrusca (II secolo a.C.) riciclata nel XII secolo a Pistoia per custodire le reliquie di San Felice. Nel Quattrocento sette antiche teste maschili scolpite nel marmo sulla facciata di Palazzo Trinci a Foligno furono trasformate in allegoria delle sette età dell’uomo e ricollocate.

La premessa di questa ricerca è la necessità di considerare il classico non solo come un’eredità del passato, ma come un elemento vitale in grado di incidere sul nostro presente e futuro. Temi come la serialità, il riuso e il riciclo nell’arte sono strettamente legati alla nostra concezione di modernità ma “Recycling Beauty”, intende focalizzare l’attenzione sul momento in cui il pezzo antico abbandona la propria condizione iniziale o di rovina e viene riattivato, acquistando nuovo senso e valore grazie al gesto del riuso. “Recycling Beauty” contribuisce a considerare il passato come un fenomeno in costante evoluzione. La mostra ospita oltre sessanta opere d’arte provenienti da collezioni pubbliche e musei italiani e internazionali come Musée du Louvre di Parigi, Kunsthistorisches Museum di Vienna, Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen, Musei Capitolini, Musei Vaticani, Gallerie degli Uffizi di Firenze e Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Fino al 27 febbraio alla Fondazione Prada di Milano. Un must to see.

Articolo Precedente

Giada Nava e il rilancio di Exilia: “Durante il lockdown non riuscivo più a trovare la lingerie che usavo, così ho salvato l’azienda che la produceva”

next
Articolo Successivo

Valentino Rosso, il maestoso libro che celebra la storia della Maison attraverso il colore più potente al mondo: così intrigò il suo fondatore – FOTO

next