Vladimir Putin ha fatto “minacce nucleari spericolate e irresponsabili“. Di fronte all’assemblea generale dell’Onu, il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, sceglie queste parole per replicare al capo del Cremlino. Per rispondere al discorso con cui Putin ha annunciato la svolta militare più importante dal giorno dell’invasione dell’Ucraina – con la chiamata dei riservisti al fronte – e ha agitato nuovamente lo spettro dell’atomica. “Questo non è un bluff”, ha dichiarato. “Una guerra nucleare non può essere mai vinta e non deve essere combattuta”, ha dichiarato Biden all’Onu, aggiungendo: “Non vogliamo conflitti, non vogliamo una Guerra fredda“. Il presidente Usa ha ribadito la sua condanna all’invasione dell’Ucraina, ha accusato Mosca di essere la causa dell’insicurezza alimentare a livello globale. Ma ha anche rilanciato la necessità di riformare il Consiglio di sicurezza dell’Onu e il sistema paralizzante dei veti, dicendosi a favore dell’aumento del numero dei Paesi membri permanenti e non.

“Un membro permanente del Consiglio di sicurezza ha invaso un suo vicino“, ha sottolineato Biden all’inizio del suo intervento davanti all’assemblea generale dell’Onu. Con la sua “guerra brutale“, ha ribadito, “la Russia ha vergognosamente violato i principi base della carta dell’Onu“. I referendum del Cremlino nel Donbass sono dei “referendum farsa” che violano la sovranità di Kiev, ha aggiunto il presidente degli Usa. Putin vuole “annientare il diritto dell’Ucraina ad esistere”, ha ammonito ancora Biden. Quando è scoppiata la guerra “non abbiamo esitato. Abbiamo scelto la libertà. Abbiamo scelto la sovranità. Abbiamo scelto i principi a cui guarda ogni parte della Carta delle Nazioni Unite. Siamo stati con l’Ucraina”, ha detto Biden, esortando tutti i membri dell’Onu ad essere uniti contro la Russia. “Come voi, gli Stati Uniti vogliono che questa guerra finisca alle condizioni giuste“, ha aggiunto, sottolineando che la Russia “non può impadronirsi del territorio di una nazione con la forza“.

Biden poi ha affrontato anche il tema delle sanzioni: “Consentono esplicitamente” l’export di derrate alimentari e fertilizzanti russi, ha sottolineato, affermando che è la guerra della Russia in Ucraina “che provoca” l’insicurezza alimentare a livello globale e “solo la Russia può porvi fine“. “La Russia dice bugie, cercando di dare la colpa della crisi alimentare alle sanzioni. Ma voglio essere chiaro: le nostre sanzioni permettono esplicitamente l’esportazione da parte russa di cibo e fertilizzanti. Senza limiti“, ha scandito il presidente americano. Poi ha annunciato un impegno americano di 2,9 miliardi di dollari per assistenza umanitaria e aiuti alimentari.

Biden ha proseguito il suo intervento dicendo: se un Paese può “perseguire ambizioni imperiali senza conseguenze“, questo “mette a rischio tutto ciò per cui lottano le Nazioni Unite“. Per il presidente Usa, quindi, è necessaria una riforma del Consiglio di Sicurezza Onu, che deve diventare “più inclusivo“, accogliendo nuovi membri permanenti e non, ma anche ridurre il potere di veto, da poter utilizzare “solo in circostanze straordinarie“.

“Una guerra nucleare non può essere vinta e non dovrebbe mai essere combattuta”, ha aggiunto Biden all’assemblea generale dell’Onu, accusando la Russia di aver proferito “irresponsabili minacce nucleari”. Biden ha sottolineato che Mosca ignora il trattato di non proliferazione nucleare e porta avanti “un preoccupante rafforzamento nucleare senza precedenti, senza alcuna trasparenza“. “Il mondo deve vedere questi atti oltraggiosi per quello che sono”, ha aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zelensky: “Il mondo non consentirà a Putin di usare l’atomica. La mobilitazione? C’era già da un mese, i cadetti vengono qui a morire”

next
Articolo Successivo

Dall’allerta atomica alla ritirata a est, fino alla nuova minaccia nucleare di Putin: cronologia dell’escalation in Ucraina

next