La scorsa settimana Razer ha presentato il nuovo DeathAdder V3 Pro, un mouse da gaming senza fili pensato per offrire performance di alto livello agli atleti esport ed ai gamer più esigenti.

Il nuovo DeathAdder V3 Pro si presenta con un design rinnovato, esteticamente a nostro parere bello soprattutto nella variante bianca che abbiamo avuto modo di provare, ed ultra leggero (63g nonostante la batteria integrata) che offre un’ottima ergonomia, permettendo nel corso della nostra prova di non avvertire fatica alla mano anche dopo lunghe sessioni di utilizzo. Per i più esigenti ed attenti, nella confezione del mouse sono disponibili una serie di nastri antiscivolo per migliorare la presa, ma non sono necessari per un utilizzo ottimale del device. Ottimo il grip offerto dalla righe zigrinate della copertura in gomma della rotellina.

Punto di forza del nuovo mouse di Razer è il sensore Focus Pro 30K che, oltre ad offrire una risoluzione di 30.000 DPI, integra delle funzionalità supportate dall’intelligenza artificiale (Smart Tracking, Motion Sync e Asymmetric Cut-off) per permettere al DeathAdder V3 Pro di offrire un altissimo livello di precisione e la migliore risposta ai movimenti della mano, anche su superfici in vetro. Il DeathAdder V3 Pro, come da tradizione di Razer, offre un’ottima scorrevolezza su tutte le superfici, permettendo di essere usato comodamente sia con un tappetino sia direttamente sulla scrivania.

I pulsanti del DeathAdder V3 Pro utilizzano i nuovi switch ottici di terza generazione di Razer, offrono ottimi tempi di risposta ed un ottimo comfort d’utilizzo, confermando la buona impressione che questo tipo di pulsante ci aveva dato in passato con altri mouse dell’azienda.

Il nuovo DeathAdder V3 Pro può essere usato sia in modalità cablata sia in modalità wireless senza differenze percettibili: il mouse di Razer integra le più avanzate tecnologie dell’azienda americana in campo wireless potendo, con il dongle USB fornito nella confezione, contare su un polling rate di 1000Hz (quindi il PC è in grado di ottenere informazioni sullo spostamento del mouse ogni 1ms), grazie alla tecnologia HyperPolling Wireless può però raggiungere una frequenza di polling di 4000Hz (con dunque intervalli di rilevamento di 0,25ms) a patto di essere in possesso del nuovo dongle HyperPolling Wireless (che va però acquistato separatamente) lanciato da Razer a fine luglio.

La batteria a bordo del nuovo mouse di Razer gli permette di raggiungere fino a 90ore di utilizzo con una singola ricarica (non aver dotato il mouse del tradizionale sistema di LED RGB influisce sicuramente positivamente sulla durata), senza dunque correre il rischio di trovarsi di sorpresa con la batteria scarica; qualora la batteria si scarichi però basterà semplicemente collegarlo al PC tramite il cavo in dotazione usando la porta USB-C posta appena sotto la rotellina, e continuare a giocare senza problemi.

Il DeathAdder V3 Pro è indubbiamente uno dei migliori mouse da gaming attualmente presenti sul mercato, offrendo le più recenti ed innovative tecnologie nel campo, ma tutto ciò arriva ad un prezzo che non è certamente “economico”: il mouse “Pro” di Razer è infatti arrivato sul mercato con un prezzo al lancio di 159.99€

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Falla nella sicurezza, gli hacker possono prendere il controllo di iPhone, iPad e Mac”. Apple corre ai ripari e rilascia aggiornamenti

next
Articolo Successivo

Nuove tessere sanitarie senza microchip: eppure basterebbe un dito per accedere ai nostri dati

next