Un’ingiustizia, una beffa senza precedenti: l’Italia è stata esclusa dalla finale della 4×100 agli Europei di atletica in corso a Monaco. Ecco quel che è successo: la Turchia, già eliminata, ha presentato ricorso alla giura perché è stata danneggiata dalla Finlandia nel corso di un cambio durante la loro semifinale. Il Video referee ha accolto la loro richiesta permettendogli di ricorrere la prova in solitaria. I turchi ne hanno approfittato per stampare un 38″98, tempo migliore di 4 centesimi rispetto a quello degli azzurri. L’Italia è stata così eliminata – aveva l’ultimo tempo di ripescaggio – senza poter replicare.

Sia chiaro: è stato giusto consentire ai turchi di ripetere la prova, perché questo prevede il regolamento. Ma togliere agli azzurri la finale dopo che l’avevano già conquistata resta difficile da digerire. Una soluzione poteva essere prevedere una finale a 9, utilizzando anche la corsia più esterna. Soprattutto per quattro motivi: i turchi hanno potuto correre da soli (senza punti di riferimento ma anche senza possibili disturbi), in corsia 3 che è una delle più “comode“, sotto il sole (mentre in mattinata la pista era ancora molto umida) e sapendo già qual era il tempo necessario per arrivare in finale.

Gli azzurri quindi non hanno avuto nemmeno il tempo di gioire per una qualificazione stoica, ottenuta nonostante le pesanti assenze di Marcell Jacobs, Filippo Tortu e Fausto Desalu. Il campione olimpico è stato nuovamente fermato da un infortunio, mentre Tortu e Desalu erano out per via di un programma che ha previsto i 200 metri praticamente in concomitanza con le batterie della 4×100 (batterie e semifinali ieri, la finale questa sera). Con i tre migliori frazionisti fuori, Lorenzo Patta, Wanderson Polanco, Matteo Meluzzo e Chituru Ali erano riusciti comunque a chiudere in quinta posizione la loro batteria, ottenendo il secondo miglior tempo di ripescaggio. La finale per l’oro è in programma domenica 21 agosto alle 21.12: con i recuperi di Tortu e Desalu, ma soprattutto sperando in una rapida riabilitazione di Jacobs, l’Italia poteva ancora puntare al podio. Invece, la beffa turca sbatte gli azzurri fuori dalla 4×100. Con un rammarico enorme.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ti ricordi… Klas Ingesson: il vichingo dallo sguardo torvo e l’uomo che lottò contro il cancro

next
Articolo Successivo

Parte la Vuelta: per l’Italia c’è da piangere, nessun pretendente al successo. L’eterno Nibali all’ultimo giro della carriera

next