Un vaccino per “rianimare” le cellule del sistema immunitario, ormai esaurite, a combattere il cancro. È la strada indicata in uno studio internazionale, in cui hanno avuto un ruolo determinante i ricercatori dell’Istituto Italiano per la Medicina Genomica dell’IRCCS Candiolo di Torino. Nel lavoro, pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine, gli scienziati hanno dimostrato che una serie di vaccini anti-cancro, che sfruttano come vettore un adenovirus dei gorilla, può potenziare la capacità delle cellule T di contrastare il tumore. Almeno è stato così sui topi e su un piccolo gruppo di 12 pazienti oncologici coinvolti nello studio. I ricercatori sono convinti che vaccini simili possano migliorare la risposta anti-cancro, dopo l’immunoterapia, “ricaricando” le cellule immunitarie antitumorali.

Le cellule T sono i “soldati” del sistema immunitario che stanno in prima fila contro le infezioni e i tumori e si trovano spesso nel bel mezzo della lotta contro i tumori in crescita. Tuttavia, queste cellule coraggiose di solito si esauriscono dopo essere state esposte a lungo alle cellule tumorali. Per questo diminuisce la loro capacità di riconoscere molecole e antigeni immunostimolanti. I nuovi trattamenti contro il cancro come l’immunoterapia mirano a rinvigorire questi linfociti T esausti, ma molti tumori possono ancora resistere agli effetti dell’immunoterapia o recidivare dopo il trattamento.

Ispirandosi ai progressi nei vaccini contro il cancro, Anna Morena D’Alise, responsabile della divisione di Immunologia della company Nouscom che ha partecipato allo studio, e si suoi colleghi, descrivono il nuovo vaccino contro il cancro come in grado di prendere di mira diversi antigeni tumorali. Quando combinato con l’immunoterapia anti-PD-1, che si basa sulla rimozione di uno dei “freni” all’attività del sistema immunitario, il vaccino è in grado di potenziare rapidamente le cellule T deputate alla lotta contro il tumore nei topi. Questo ha portato a risposte antitumorali più forti rispetto alla sola immunoterapia. I ricercatori hanno anche somministrato il vaccino a 12 pazienti con tumori metastatici con elevata instabilità genetica. Ebbene, i campioni prelevati dai pazienti dopo il trattamento hanno mostrato evidenze di una maggiore attività dei linfociti T e un picco nei linfociti T in grado di infiltrarsi nei tumori. “Nel complesso, i nostri risultati indicano che i vaccini a vettore adenovirale, in combinazione con il trattamento con gli inibitori del checkpoint possono sostenere la proliferazione, l’espansione dei cloni di cellule T neoepitopo-specifici e il traffico nel tumore sia nei topi che nei pazienti con cancro”, spiegano i ricercatori. In altre parole, con questo approccio i “soldati” del nostro sistema immunitario ricevono nuova energia per continuare a contrastare il tumore invasore.

Lo studio

30science per il FattoQuotidiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ufo, continua la contrapposizione fra Congresso e Pentagono mentre entra in campo la Nasa

next
Articolo Successivo

Piero Angela è stato un gigante, ma la strada che ha intrapreso non è ancora conclusa

next