di Giuseppe Paris

Leggendo le motivazioni della sentenza sulla trattativa Stato-mafia ho pensato di essere appena sbarcato da Marte. In sostanza secondo i giudici ci fu trattativa ma allo stesso tempo non fu una trattativa “istituzionale”. Salvo che l’allora capo dello Stato e il ministro della Giustizia Giovanni Conso abbiano agito immagino “inconsapevolmente” per facilitare questa trattativa, ammorbidendo il 41 Bis.

Nel marzo ’93, da Guardasigilli, Conso non rinnovò il 41 bis a circa 300 mafiosi sottoposti a carcere duro. In seguito, davanti alla Commissione parlamentare antimafia e alla procura di Palermo che lo interrogheranno, dirà che lo ha fatto per indurre Cosa nostra a “smettere” con le stragi, aggiungendo che si è trattato di una sua iniziativa personale non concordata con nessuno. Come dire: io ti faccio un piacere ma tu in cambio devi smetterla con le stragi.

Questo compiacente comportamento nei confronti della cupola mafiosa stona alquanto con la mancata trattativa con le Brigate Rosse (Br) dell’allora ministro dell’Interno Francesco Cossiga, per cercare di salvare la vita di Aldo Moro; in fondo le Br chiedevano molto meno dell’alleggerimento del 41 bis. Ho l’impressione che mentre le Br siano state una scheggia impazzita estranea al sistema di potere italiano degli anni 70/80, Cosa Nostra sia stata, e forse purtroppo sia ancora, parte di questo sistema. Basti pensare ai continui e attuali casi di legami di personaggi mafiosi a politici di destra e di sinistra.

Quello che resta è il sacrificio vano di veri uomini, di servitori di questo staterello. Penso con enorme e profondo rispetto alle figure del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e di sua moglie Emanuela Setti Carraro, di Giovanni Falcone, di Paolo Borsellino e di tutti gli uomini delle scorte che hanno donato le loro vite in nome della legalità, non sapendo che altri uomini di stato trattavano con coloro che questi Eroi volevano sconfiggere. Povera Italia!

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Catania, arrestato primario del Policlinico per corruzione: è accusato di avere intascato tangenti anche nel bagno del suo ufficio

next
Articolo Successivo

Inappellabilità delle sentenze di assoluzione? La legge che Berlusconi vorrebbe riproporre è stata già bocciata dalla Consulta

next